menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ghinelli: "Oggi il dato più alto di sempre, tendenza in aumento". Partiti i controlli sugli studenti per le mascherine

Ad Arezzo città in una settimana i positivi sono aumentati di 110, e oggi si registra il valore più alto di sempre con 21 casi nella stessa giornata, "ieri ce ne sono stati 17, ieri l'altro 15, il trend è a crescere" ha detto Ghinelli

"Oggi abbiamo il dato più alto di contagi giornalieri da quando è iniziata la pandemia e questo ci preoccupa". Così il sindaco Alessandro Ghinelli ha commentato l'andamento della diffusione del coronavirus ad Arezzo nella consueta diretta del lunedì. 

I dati

Ad Arezzo città in una settimana i positivi sono aumentati di 110, e oggi si registra il valore più alto di sempre con 21 casi nella stessa giornata, "ieri ce ne sono stati 17, ieri l'altro 15, il trend è a crescere" ha detto Ghinelli. Il totale dall'inizio della pandemia è di 366 persone contagiate in città. Il dato provinciale di oggi è di 67 che porta il totale provinciale a 1547 in tutto, con una crescita nell'ultima settimana di 366 casi. Un altro dato significativo è quello dei ricoveri con 31 persone in malattie infettive e 5 in terapia intensiva. 

"Il San Donato sta divendando di nuovo molto frequentato per i casi di Covid, è evidente che le condizioni fisiche di alcuni contagiati hanno bisogno di cure ospedaliere. Anche da medici come il dottor Tacconi arrivano richieste di fare raccomandazioni continue perché le persone mettano in atto magiori controlli per stare fuori dal contagio certo non è facile, ma è fondamentale" ha detto il sindaco preoccupato ed ha aggiunto "stiamo andando verso una definizione di cluster epidemico".

Dal sindaco non è arrivata nessuna stretta con ordinanze speciali che qualcuno adesso si aspettava, ma evidentemente c'è attesa per il nuovo Dpcm che dovrebbe uscire a breve. Conterrà regole che incideranno nelle abitudini di tutti con l'obiettivo di frenare drasticamente il contagio in tutti gli ambiti, compresi quelli familiari. "La cosa positiva è che non stanno aumentando i decessi" ha detto Ghinelli "però tutti questi contagi non ci fanno ben sperare, quindi tutti dobbiamo attivare tecniche ci comportamento per noi e i nostri cari per evitare la trasmissione del virus."

"Noi siamo una città che deve lavorare non ci possiamo permettere di fermarci, anche uno stop limitato nel tempo, come chiusure di 15 giorni, sarebbe meglio evitarlo. Ma ad Arezzo da dove stanno arrivando i contagi? C'è un'ipotesi di ritorno dalle vacanze da paesi dove il covid è molto diffuso. Poi c'è il tema legato alle scuole, ai ragazzi chiedo di avere pazienza, credo che tutti abbiano capito che devono indossare la mascherina chewrina sempre, chiedo agli inseganti di vigilare proprio su questo."

Poi alcune precisazioni sulle mascherine chirurgiche: "Da non dimenticare che ha il preciso significato di proteggere chi mi sta accanto, vi invito a farla indossare a chi vi sta vicino, è la mascherina generosa, quando si è insieme si deve esigere che chi è con noi la porti, sennò il rischio è elevato".

I controlli della polizia locale

Sono iniziati oggi i controlli da parte degli agenti della Polizia locale delle mascherine ne indossate dagli studenti nei pressi delle fermata degli autobus. 200 ragazzi sono stati identificati nei controlli del fine settimana. Oltre alle sanzioni per le violazioni al codice della strada, la municipale ha denunciato una persona per percosse e furto con destrezza, un'altra per mancato rispetto della quarantena da parte di un positivo, 3 persone per ubriachezza molesta e 3 per mancanza di mascherine. "I controlli sono continui e irrevocabili" ha detto Ghinelli in chiusura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento