rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Nuova normativa

Scuola, contagi e dad: passo indietro del Governo. La nuova normativa e i casi aretini

Dalle disposizioni dei presidi ai tamponi, fino alla quarantena e alla didattica a distanza. Ecco come comportarsi

Niente didattica a distanza per le classi in cui si verifica un solo contagio. Il governo ieri, al termine di una frenetica giornata in cui le indiscrezioni si sono ricorse, ha fatto marcia indietro. E così, nonostante la circolare datata 29 novembre che paventava un ritorno alla normativa entrata in vigore a inizio mese,  fonti del governo hanno chiarito che, "alla luce dell’attuale situazione epidemiologica, continuano a valere le precedenti regole sulla quarantena in classe". 

Ma cosa accadrà dunque nelle scuole? Nel caso in cui si verificasse un contagio sarà il dirigente scolastico (insieme al referente Covid) a individuare i possibili “contatti scolastici”. Dopodiché la scuola dovrà comunicare alle famiglie e agli insegnanti quali saranno le precauzioni da prendere e dare vere e proprie disposizioni per coloro che sono stati a contatto con il positivo entro le 48 ore precedenti dai primi sintomi. Tali disposizioni dovranno essere comunicate poi dal referente Covid  alla Asl. 

Tamponi: cosa prevede il protocollo

Sul fronte tamponi, il protocollo prevede che ne venga eseguito uno il prima possibile dal momento in cui i compagni vengono informati del  contatto (“tempo zero” T0). A questo punto i casi sono due: se il risultato e? negativo si può già rientrare a scuola senza quarantena. Poi dopo 5 giorni si dovranno sottoporre al secondo tampone (“tempo 5” T5).

Per i docenti le disposizioni sono diverse: se sono vaccinati e negativi restano a scuola, se non sono vaccinati - anche se negativi - dovranno sottoporsi ad una quarantena di 10 giorni. Il rientro in classe è previsto al termine della quarantena con tampone negativo.

Se gli alunni sono vaccinati

Ma cosa accade agli studenti over 12 vaccinati (o negativizzati) e cosa a quelli non vaccinati? Nel primo caso, ovvero gli immunizzati, proseguiranno faranno i due tamponi, a zero e cinque giorni. Nel secondo sarà disposta una quarantena do 10 giorni anche se negativi al primo esame. 

Quando scatta la dad? Quando si verificano tre casi in una sola classe: dopo aver fatto il primo tampone, anche se negativo, alunni e docenti andranno in quarantena. Per i vaccinati l'isolamento durerà 7 giorni per gli altri 10. 

Se gli alunni hanno meno di 12 anni

La quarantena di 10 giorni scatta nel caso di un solo contagio quando si verifica alla scuola per l’infanzia, alla primaria e in prima media. I più piccoli infatti non sono vaccinati e quindi dovranno restare in isolamento ed eseguire un tampone alla fine della quarantena.

Per gli educatori invece la quarantena andrà da sette a dieci giorni, a seconda se sono vaccinati o meno, con tampone finale. 

I casi aretini

L'ultimo report della Asl sui casi aretini è stato aggiornato al 25 novembre scorso. A quella data si contavano 60 positivi in provincia di Arezzo: di questi 7 erano insegnanti e 53 studenti. 

I danni della Dad

Come rileva un recente sondaggio - spiega ancora Today - nell'ultimo anno scolastico - caratterizzato dalla didattica a distanza - quasi 9 studenti italiani su 10 (88%) hanno riscontrato difficoltà didattiche o psicologiche.

"Il 57% degli studenti ha chiuso l'anno con lacune in una o più materie, a fronte di una media nazionale del 47%" spiega un sondaggio di Kantar per GoStudent, condotto su un campione di circa 12mila tra studenti (da 10 a 18 anni) e genitori in sette Paesi europei (Italia, Regno Unito, Spagna, Francia, Paesi Bassi, Germania e Austria). "Oltre 4 ragazzi su 10 (43%) hanno però fatto fatica a concentrarsi in una classe online. Il 37% degli studenti ammette di aver avuto difficoltà a capire il materiale didattico, il 20% dei ragazzi ha poi trovato difficoltà con gli strumenti tecnologici a disposizione, e il 19% ha avuto problemi di accesso a una rete wi-fi e/o a un pc per fare i compiti e assistere alle lezioni. Il 16% ha infine lamentato la mancanza di spazio in casa per poter fare lezione senza distrazioni".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola, contagi e dad: passo indietro del Governo. La nuova normativa e i casi aretini

ArezzoNotizie è in caricamento