menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Mascherine e "vasche" in corso Italia

Mascherine e "vasche" in corso Italia

Covid, il Comitato scientifico chiede la zona rossa obbligatoria: ecco la soglia di contagi. Cosa rischia Arezzo

Se venisse accolta la richieste del Comitato scientifico basterebbero 250 contagi settimanali ogni 100mila abitanti per farla scattare. Ad Arezzo in una settimana oltre 340 casi

Un'altra settimana in zona arancione, ma il pericolo zona rossa non sembra scongiurato per Arezzo. Se le richieste avanzate ieri dal Comitato tecnico scientifico venissero accolte, infatti, per le aree in cui i contagi superano la soglia di 250 ogni 100 mila abitanti scatterebbe la zona rossa. 

La richiesta sarebbe stata firmata proprio prima che il Dpcm venisse firmato. Gli scienziati hanno chiesto nero su bianco di rendere obbligatoria e non facoltativa l'istituzione della zona che prevede le maggiori restrizioni. 

Per Arezzo e per alcuni comuni della provincia (che tra l'altro in questa settimana si ritrovano ad avere le scuole chiuse proprio per aver superato la soglia ritenuta critica) si potrebbero dunque configurare della zone rosse locali. 

Comune di Arezzo: la corsa per evitare le restrizioni

Nel Comune di Arezzo le scuole sono state chiuse prima ancora che venisse decretato con ordinanza regionale. Una devcisione - ha spiegato la vice sindaca Lucia Tanti - che sarebbe stata presa per evitare ulteriori restrizioni. Di fatto una corsa contro il tempo, perché l'inversione di tendenza nei contagi dovrebbe verificarsi nel giro di pochi giorni. 

Nell'ultima settimana, però, i dati hanno continuato ad essere davvero alti: oltre 100 al giorno in provincia e nel territorio comunale sono stati 343. Quasi 100 oltre il limite. 

Scuole chiuse in 7 comuni

Intando da domani saranno chiuse le scuole di ogni ordine e grado in sei comuni, ai quali si aggiunge il comune di Arezzo dove invece materne e nidi continueranno ad ospitare bambini. 

I comuni per i quali è stata fatta l'ordinanza sono Sansepolcro, Anghiari, Monterchi, Castelfranco Piandiscò, Lucignano e Marciano della Chiana. Alla fine della prossima settimana verranno rivisti i dati sui contagi e solo allora si saprà se le scuole potranno riaprire.

A preoccupare sono soprattutto i casi di varianti (inglese e brasiliana) emersi nel territorio. In particolare in Valtiberina, dove i numeri iniziano ad essere importanti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento