Cronaca

Da oggi slitta il coprifuoco. La Toscana resta in attesa di entrare in zona bianca

Coprifuoco da mezzanotte alle cinque in zona gialla, ma dal 21 giugno la regione dovrebbe essere nella fascia di minor rischio

Immagini di repertorio

Un altro passo avanti verso il ritorno alla normalità. Da oggi, in tutte le zone gialle e quindi anche in Toscana il coprifuoco slitta di un'ora. Entra in vigore allo scoccare della mezzanotte e resta in vigore fino alle 5. Sessanta minuti in più per stare fuori, al ristorante o nei locali estivi, per passeggiare con gli amici.

La misura del coprifuoco è stata allentata dal Governo lentamente, passando prima dalle 22 alle 23 e da oggi fino alla mezzanotte. Cade del tutto invece in zona bianca, dove si trovano molte regione d'Italia. Per la Toscana invece c'è ancora da attendere. Ci sono dati che la stanno confermando, ma dovrebbe scattare il 21 giugno. 

La zona bianca 

Come scrive Today.it un italiano su cinque da oggi è in zona bianca. Sono infatti sette le regioni che si trovano nell'area a minori restrizioni e senza coprifuoco: Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Molise, Sardegna, Umbria, Veneto. Dal 14 giugno, secondo i calcoli,  dovrebbe toccare a Lombardia, Lazio, Piemonte, Puglia, Emilia-Romagna e Provincia di Trento.

Dovranno attendere il 21 giugno Sicilia, Marche, Toscana, Provincia di Bolzano, Calabria, Basilicata e Campania mentre l'ultima regione a passare nell'area con minori restrizioni dovrebbe essere la Valle d'Aosta il 28. Tutta l'Italia dovrebbe quindi trovarsi in zona bianca a partire da luglio.

Le regole in vigore

Ristoranti e bar: nella zona bianca è possibile sedersi fino a 6 persone a tavola e non c'è nessuna limitazione all'esterno; in zona gialla sono ancora in vigore le regole della riapertura: quattro persone al massimo per ogni tavolo.

Le piscine al chiuso, i parchi tematici, le sale giochi e le sale scommesse: riaprono tutti in zona bianca, mentre in zona gialla dovranno attendere ancora qualche giorno. Per il 15 giugno è prevista la riapertura dei parchi tematici e di divertimento; per il primo luglio le piscine al chiuso e le sale giochi. 

Sia in zona gialla che in zona bianca invece rimane il divieto di organizzare feste, quello di trovarsi in assembramenti e di andare in giro senza mascherina. Mentre un'ulteriore differenza c'è nelle visite ad amici e parenti con deroga: un'ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza ha specificato che in zona bianca è possibile andare a trovare amici e parenti spostandosi in sei persone oltre ai figli minori e ad eventuali disabili. In zona gialla rimane la limitazione a quattro persone e rispettando il coprifuoco. 

Banchetti dopo le cerimonie civili e religiose (matrimoni, comunioni, cresime). In zona bianca sono consentiti ma con green pass, ovvero la certificazione verde che si rilascia dopo la vaccinazione, oppure dopo la guarigione da Covid-19 oppure ancora in presenza di un tampone negativo nelle 48 ore precedenti l'appuntamento. In zona gialla i banchetti saranno consentiti - sempre con il green pass e le stesse regole - a partire dal dal 15 giugno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da oggi slitta il coprifuoco. La Toscana resta in attesa di entrare in zona bianca

ArezzoNotizie è in caricamento