rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022

La Chimera Nuoto controllerà il green pass, c'è l'ordinanza che riapre la piscina. Poponcini annuncia continui controlli

Sono molte le sfaccettature amministrative e burocratiche di questa vicenda. Alla fine atleti e appassionati di nuoto possono tornare in vasca. Probabile riapertura da lunedì

La piscina comunale può riaprire. L'ordinanza del sindaco Ghinelli è stata firmata ed è immediatamente valida. Atleti e appassionati di nuovo potranno così tornare in vasca dopo quasi 20 giorni dalla chiusura della struttura in conseguenza del mancato controllo del green pass da parte del gestore, Valter Magara, amministratore del Centro sport Chimera.

E la riapertura è possibile grazie alla disponibilità che la Chimera Nuoto, l'associazione sportiva presieduta da Massimo Coli, ha dato per sostituirsi nella responsabilità e nel controllo del green pass. Studiate le carte da parte degli uffici comunali è stata stilata l'ordinanza specifica che concede la riapertura agli iscritti della Chimera Nuoto che ha un contratto in essere con i gestori, valido dal primo di gennaio e per quattro mesi, fino alla fine di aprile. 

Le vasche e gli spogliatoio di fatto potrebbero essere utilizzati già da oggi, ma i tempi tecnici fanno presumere che l'ingresso sarà di nuovo aperto da lunedì prossimo 14 febbraio e sulla soglia ci sarà un addetto della Chimera Nuoto a controllare il green pass. Cessa così, almeno temporanemante, il grave problema di interruzione del servizio, da molti già pagato. Bambini, ragazzi e adulti potranno tornare a fare il loro sport. 

Il sindaco ha preso atto della disponibilità di Coli e conseguentemente adottato l’ordinanza, la 3 del 9 febbraio: dunque, nei giorni e negli orari di utilizzo della piscina di via Gramsci da parte di Chimera Nuoto, è prevista l’apertura al pubblico con la prescrizione che l’associazione sportiva effettui i controlli richiesti dal decreto legge 221 del 24 dicembre 2021 e consenta l’accesso esclusivamente ai possessori di green pass. Al di fuori di queste fasce giornaliere e orarie, resta confermata la chiusura al pubblico del complesso sportivo polifunzionale fin quando il gestore comunicherà al Comune, alla Prefettura e all’Asl Toscana sudest dipartimento di prevenzione, l’attivazione dei controlli obbligatori sopra ricordati.

“Intendo ringraziare per questo epilogo – ha dichiarato il sindaco Alessandro Ghinelli – l’assessore Scapecchi, la polizia locale che ha sempre esercitato i necessari controlli e verificato il mancato rispetto delle norme sul green pass e Chimera Nuoto che si è impegnata nella direzione auspicata. Rimane aperta una posizione non propriamente cristallina, quella che fa capo al gestore, ma possiamo intanto annunciare una notizia positiva, per quanto questa soluzione sia necessariamente temporanea”.

E il comandante Aldo Poponcini ha subito tenuto a precisare, a proposito di controlli, che non per questo verranno sospesi.

“Estendo i ringraziamenti – ha proseguito l’assessore Federico Scapecchi – ai bambini, ai ragazzi e agli sportivi che hanno manifestato grande pazienza dopo avere subito la chiusura del loro impianto. E sottolineo ‘loro’ perché quella di cui stiamo parlando è la struttura sportiva di 100.000 aretini e non di una persona soltanto. Alla luce di quanto affermato dal presidente di Chimera Nuoto posso dire che non ci saranno istruttori privi di green pass in quanto i controlli saranno estesi a tutti”.

Il presidente di Asd Chimera Nuoto Massimo Coli, impossibilitato a partecipare alla conferenza stampa ha infatti chiarito: “la Chimera Nuoto, a norma di Statuto, ha lo scopo di favorire la diffusione e la pratica del nuoto e per assolvere a questi principi ha ritenuto di dover impegnarsi per far continuare i propri atleti ad allenarsi. A seguito di questa motivazioni come presidente della Chimera Nuoto, mi sono assunto l’impegno, peraltro alquanto oneroso, di controllare, personalmente o con addetti della società, che tutte le persone che partecipano alle attività sociali, atleti, utenti e personale, siano in possesso dei requisiti previsti dalle attuali disposizioni di legge per accedere all’impianto. Tutto questo nell’intento di agire al meglio per l’associazione che rappresento, sempre e comunque nel rispetto delle convenzioni in essere”.

Si puntualizzano infine due aspetti: il dpcm 21 gennaio 2022 ha confermato che le piscine rientrano nell’elenco dei luoghi e delle attività per i quali è necessario il green pass “rafforzato” (con vaccino o guarigione da Covid); restano dispensati dall’obbligo di certificazione i bambini sotto i 12 anni e le persone esenti per motivi di salute sulla base di idonea certificazione medica.

Video popolari

La Chimera Nuoto controllerà il green pass, c'è l'ordinanza che riapre la piscina. Poponcini annuncia continui controlli

ArezzoNotizie è in caricamento