Slitta di una settimana la data del 'contagio zero' in Toscana

A dirlo è l'Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane anche se, va precisato, le proiezioni non tengono conto della fine del lockdown. Lo slittamento riguarda anche il territorio della Toscana

In Italia sono state riviste le stime delle date in cui nelle varie regioni si arriverà al tanto agognato "contagio zero". Per molte zone questa data si allontana. A dirlo è l'Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane anche se, va precisato, le proiezioni non tengono conto della fine del lockdown. Lo slittamento riguarda anche il territorio della Toscana.

L'andamento in Toscana

Rispetto ai dati comunicati ieri pomeriggio dalla Regione, la Toscana si conferma al 10° posto in Italia come numerosità di casi, con circa 267,3 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 374,2 x 100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Massa Carrara con circa 535 casi x 100.000 abitanti, Lucca con 349, Firenze con 337, la più bassa Siena con 161.

E ieri la Regione Toscana ha notificato 7 casi di positività in più. I nuovi casi sono lo 0,1% in più rispetto al totale del giorno precedente. Questo è il punto più basso dei nuovi casi dal 3 di marzo.

La previsione per la Toscana

L'Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane, coordinato da Walter Ricciardi e dal dottore Alessandro Solipaca, ha rivisto le stime sulle date di azzeramento dei contagi da Covid-19 in Italia. Dati che potrebbero cambiare e quindi da prendere con cautela perché con la riapertura delle attività commerciali i casi di Covid anziché diminuire potrebbero tornare a crescere.  Secondo l'Osservatorio sono 11 le regioni italiane nelle quali i nuovi contagi sono ancora a due cifre "e il rischio di una ripresa dell’epidemia non è trascurabile". 11 se si coprende anche la Toscana che ha avuto il primo dato a una cifra, proprio ieri per la prima volta dopo oltre due mesi. Le altre regioni sono Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte e Veneto. Secondo le osservazioni del dottor Solipaca, riportate da Today.it, la Toscana si inserisce in quel gruppo di regioni che "sono in una fase leggermente più arretrata, ma potrebbero uscire dall’epidemia a partire dalla prima settimana di giugno".

Insomma una settimana oltre rispetto alle previsioni che erano state fatte in precedenza. Con l'elaborazione del 17 aprile infatti la Toscana avrebbe avuto la data del contagio zero al 30 maggio, ma le stime riviste con i dati accumulati fino a metà di questo mese hanno spostato questa data quasi di una settimana e cioè al 6 giugno prossimo, come si evince dalla tabella elaborata da Today.it.

tabella-contagi-zero

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento