Cronaca

Ragazzo allontanato dalla comunità di Ponte Buriano dopo le escandescenze

Alcuni giorni fa sono intervenuti forze dell'ordine e 118 per placare un giovane, che avrebbe problemi psichici. Il ragazzo è stato poi trasferito in un istituto fiorentino. Il caso, che non ha coinvolto altre persone, è stato portato all'attenzione dell'amministrazione

Un ragazzo appena maggiorenne e con disturbi psichici è stato trasferito dalla comunità protetta di Ponte Buriano che lo ospitava a un istituto fiorentino, dopo un episodio di escandescenza che l'ha visto protagonista. Il giovane si è reso responsabile di alcuni danneggiamenti, ma non ci sarebbero stati scontri fisici, in base al resoconto dei responsabili della struttura e delle forze dell'ordine intervenute. Tanto che il 118 sarebbe giunto sul posto unicamente per placare il ragazzo esagitato.

La segnalazione della politica

Il caso - di cui molti residenti si sono accorti per l'intervento dei mezzi di emergenza - è emerso anche perché se ne è occupata la politica, con una segnalazione del consigliere comunale di Fratelli d'Italia Renato Viscovo, e poi l'amministrazione di Arezzo. Il vice sindaco Lucia Tanti ha scritto in mattinata su facebook:

Ringrazio il consigliere Renato Viscovo per la sua interrogazione sui fatti che hanno interessato la frazione di Ponte Buriano. Le risse avvenute il 23 aprile all'interno di una comunità socio educativa, non sono tollerabili. Arezzo è una città civile che accoglie e che crede nella restituzione alla comunità di chi ha avuto momenti di difficoltà, ma tutto questo deve essere conciliato con la sicurezza e la tranquillità dei cittadini. Proprio per tenere insieme questi due valori, ho convocato coloro i quali si occupano di questa comunità per valutare insieme azioni e misure. Ciò che è sicuro è che non siamo disponibili ad assistere a fatti simili rispetto a quelli avvenuti. 

Cosa è successo

Venerdì 23 aprile è intervenuta la Polizia di Stato. Il ragazzo in preda a uno stato di forte agitazione, dovuto anche anche a problemi di natura psichiatrica, sarebbe stato placato grazie all'ausilio del personale del 118, intervenuto con un'ambulanza. Avrebbe anche rivolto minacce nei confronti di uno dei gestori. Visto l'episodio, il Tribunale dei Minori di Firenze (che si occupa del caso perché il ragazzo - oggi neo 18enne - aveva iniziato il percorso riabilitativo da minore) ha optato per un trasferimento all'interno di una struttura fiorentina. Il giorno seguente, sabato 25 aprile, il giovane avrebbe dovuto essere trasferito, ma avrebbe opposto resistenza. Per questo sono stati di nuovo interpellati forze dell'ordine e 118. Il giovane ha danneggiato la struttura ed è stato necessario l'intervento dei Carabinieri per contenerlo. Successivamente il ragazzo è stato portato via. Le intemperanze, secondo forze dell'ordine e gestori, si sarebbero mantenute sempre nel perimetro dell'istituto, senza il coivolgimento di altre persone oltre al 18enne trasferito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazzo allontanato dalla comunità di Ponte Buriano dopo le escandescenze

ArezzoNotizie è in caricamento