Undici piante di cannabis alte due metri coltivate sotto casa: denunciato

I Carabinieri della compagnia di San Giovanni Valdarno hanno deferito in stato di libertà un 47enne residente a Bucine

I Carabinieri della compagnia di San Giovanni Valdarno hanno deferito in stato di libertà un 47enne residente a Bucine che è stato sorpreso a coltivare piante di cannabis illegale nelle pertinenze della propria abitazione. L’intervento dei militari dell’Arma è giunto al culmine di approfonditi accertamenti investigativi, frutto di un lavoro di squadra dei Carabinieri delle stazioni di Bucine e Levane, coadiuvati dai colleghi di Cavriglia. Gli svariati servizi di appostamento e osservazione notturna eseguiti dai Carabinieri, infatti, hanno consentito ai militari di individuare i siti nei quali era stato piantato lo stupefacente, e di constatare che si trattava di piante già mature, dal fusto robusto dalle infiorescenze già sviluppate, di oltre due metri d’altezza. Successivamente, sono iniziati gli approfondimenti per identificare il soggetto che aveva la disponibilità dei terreni sui quali erano state seminate le piante: le coltivazioni erano state impiantate su diversi appezzamenti "con l’evidente intento di rendere più difficoltose le eventuali investigazioni delle forze dell’ordine".E così è scattato l’intervento: i carabinieri infatti, non appena sono riusciti ad identificare il “coltivatore”, hanno proceduto ad effettuare il controllo nella sua abitazione e neii terreni intorno, ritrovando 11 piante di grande dimensione e in avanzato stato di maturazione. Per l’uomo è pertanto scattata la denuncia in stato di libertà, per illecita coltivazione di sostanza stupefacente. Le piante sono state estirpate e sequestrate e verranno sottoposte alle previste analisi chimiche, "dalle quali sarà possibile determinare l’intensità del principio attivo, e, conseguenzialmente, il numero di dosi che avrebbero potute essere illegalmente commercializzate", dicono i militari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Quando si esce dalla zona rossa? Le Toscana spera a dicembre. Ma Arezzo ha un indice Rt che spaventa

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento