Cronaca

Rapinarono orafo con spray urticante e minacce di morte: basista patteggia quattro anni. Le condanne per i complici

Dopo le tre condanne a circa 6 anni presso il tribuanle di Arezzo, oggi presso il tribunale di Perugia il basista della banda che assalì Santini nel maggio del 2018 ha patteggiato la pena a 4 anni e 2 mesi

Rapinarono un laboratorio orafo cittadino, prima fingendosi clienti poi assaltando il titolare e bloccandolo con spray urticante, sotto minaccia di morte. Quindi scapparono con un ingente bottino di preziosi e contanti: il tutto per un valore di 80mila euro. Ma grazie anche alle indagini condotte dalla Squadra mobile di Arezzo i banditi furono trovati e fermati. Oggi presso il tribunale di Perugia si è conclusa l'udienza preliminare per la banda, composta da 12 persone, che tra il 2017 e il 2018 terrorizzò Perugia e Arezzo

Il colpo ad Arezzo

Il colpo nel laboratorio aretino di Fabrizio Santini fu messo a segno il 18 maggio del 2018. Agirono un 4: prima uno  si finse un cliente e suonò al campanello dell'orafo, il cui laboratorio si trova in via Michelangelo da Caravaggio. Era il primo pomeriggio: il rapinatore improvvisamente - come recita il capo di imputazione - afferrò per il collo l'orafo, poi lo gettò a terra e lo immobilizzò utilizzando spray urticante. A quel punto i complici fecero irruzione: erano in tre, con il volto travisato da un passamontagna. Mentre uno rimase sull'ingresso a controllare l'esterno gli altri due entrarono nel locale. Uno puntava la pistola e l'altro gridava "Sparagli se non ti dà la chiave". Ottenuta la chiave si diressero alla cassaforte e fecero razzia. Metallo, anelli in oro bianco, alcuni diamanti, contanti: preziosi per migliaia di euro. Poi scapparono. 

L'arresto a Perugia dei rapinatori dell'orafo

Le condanne ad Arezzo e il patteggiamento del basista oggi a Perugia

Oggi in tribunale l'epilogo della vicenda giudiziaria per l'ultimo della banda, il basista. I quattro infatti facevano parte di un unico sodalizio criminale: per la rapina a Santini - rappresentato dal legale Massimiliano Dei - tre malviventi sono già stati giudicati e condannati per rapina aggravata presso il tribunale di Arezzo. Adesso dovranno scontare una pena di circa sei anni. Il basista invece ha patteggiato oggi la pena a 4 anni e due mesi. 

Gli altri componenti della banda

La banda, della quale facevano parte anche due investigatori privati di Perugia, aveva messo a segno una lunga serie di reati: rapine, tentate rapine a negozi, un'agenzia di scommesse e addirittura una banca. Come riporta Perugia Today, in sei hanno patteggiato pene che vanno dai 4 anni e 2 mesi ai 4 anni e 9 mesi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinarono orafo con spray urticante e minacce di morte: basista patteggia quattro anni. Le condanne per i complici

ArezzoNotizie è in caricamento