Rubano auto e furgone e tentano di sfondare il bancomat: così è iniziata una notte di ordinaria follia

Tutto ha avuto inizio a Pieve al Toppo. Qui una banda di malviventi è entrata in azione infiltrandosi prima in una concessionaria e avventandosi poi contro un bancomat

È stata una notte movimentata quella che si è appena conclusa. Prima il blitz all’interno della concessionaria, poi il tentativo di scasso allo sportello bancomat e, una manciata di minuti dopo, quello alle poste di Borghetto, alle porte di Montagnano.

Tutto ha preso avvio a Pieve al Toppo

Alle 22.30 circa di ieri sera alcuni malviventi si sono introdotti all’interno di una concessionaria della zona. Hanno individuato un furgone e un’automobile. Si sono avventati su i due veicoli e, forse modificandone la centralina, sono riusciti a metterli in moto senza l'ausilio delle chiavi. Poi nel silenzio più totale, sono usciti dall’edificio e si sono diretti vesto via delle Piscine.
Qui si trova lo sportello automatico della banca Monte dei Paschi di Siena. Nessuna filiale annessa ma bensì un punto dove effettuare operazioni e ritirare denaro contante. La banda ha tentato di aggredire il bancomat cercando di sfondarlo utilizzando come ariete l'automobile così da raggiungere la cassaforte contenente i contanti. Un tentativo andato a vuoto. Il bancomat non ha ceduto e, fatta eccezione per qualche danno, non si è mosso dalla propria sede. I malviventi, a mani vuote, hanno in pochi minuti scelto di cambiare aria, cercare una zona più facile da raggiungere. Dopo aver abbandonato l'auto in via delle Piscine a Pieve al Toppo, sono saliti a bordo di altri mezzi (tra cui anche il furgone rubato) ed hanno raggiunto le Poste a Borghetto. Qui il colpo è andato a segno.

Un boato e la cassaforte trascinata in strada. Colpo alle Poste

Fitte le indagini condotte da parte dei militari anche sul fronte di Pieve al Toppo. Al vaglio degli inquirenti ci sarebbero le immagini immortalate dalle telecamere di sicurezza delle attività della zona. Video molti chiari che potrebbero costituire uno degli elementi fondamentali per il riconoscimento di coloro che hanno seminato il panico in Valdichiana. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ingente la conta dei danni registrata nel paese alle porte di Arezzo e Civitella in Valdichiana. Sia la concessionaria che la banca hanno subito ammanchi danneggiamenti che ammontano a qualche decina di migliaia di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Alla Chiassa non passa più nessuno". Punta la pistola in strada e si filma, ma arriva la Polizia: denunciato

  • Coronavirus, Ghinelli: "Uscite a fare la spesa? Tenete lo scontrino"

  • Covid-19: sette nuovi casi nell'Aretino di cui tre in città. Il bollettino della Asl

  • Medico chirurgo positivo al Covid-19 ricoverato al San Donato

  • E' morta una maestra elementare contagiata da Coronavirus

  • Il messaggio ai suoi 500 dipendenti: "Riguardatevi, torneremo". E' la prima cassa integrazione della Lem in 46 anni

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento