menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caso Coingas, udienza preliminare a rischio rinvio per un difetto di notifica

Questa mattina prende il via il procedimento di fronte al giudice Claudio Lara

Si preannuncia come una falsa partenza quella dell'udienza preliminare per il caso Coingas-Estra-Multiservizi. Questa mattina in tribunale - nell'aula della Vela, di fronte al gip Claudio Lara - tutto potrebbe concludersi in pochi minuti. Secondo alcune indiscrezioni, infatti si sarebbe verificato un difetto di notifica per uno degli imputati, Lorenzo Roggi (presidente di Arezzo Casa). Un'evenienza questa che potrebbe vedere subito un rinvio prima ancora che inizino le fasi preliminari dell'udienza e quindi prima ancora della costituzione delle parti civili. 

Gli imputati

Personaggi della vita pubblica e politica aretina, professionisti stimati, sono in 12 chiamati a comparire con accuse di tipo diverso: dalla corruzione all'abuso d'ufficio, dall'ingiusto guadagno al favoreggiamento.

Chiamati a comparire, con accuse di tipo diverso. Tra loro c'è il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli, c'è Sergio Staderini (ex presidente di Coingas, che aveva conservato scottanti file audio nel proprio pc dai quali ha preso le mosse la corposa inchiesta della Procura di Arezzo), c'è il presidente di Estra Francesco Macri. E poi sono imputati l'avvocato Pier Ettore Rason e il commercialista Marco Cocci (considerati i destinari di consulenze del valore di centinaia di migliaia di euro), l'assessore Alberto Merelli, l'avvocato Stefano Pasquini, la contabile Mara Cacioli, il presidente di Coingas Franco Scortecci, Jacopo Bigiarini. E poi per il "filone" Multiservizi  l'ex presidente della partecipata Luca Amendola, il consigliere comunale Roberto Bardelli e Lorenzo Roggi presidente di Arezzo Casa. 

Parti civili

In caso di rinvio, anche la costituzione delle parti civili sarà rimandata ad altra data. Di fatto però sia Coingas in assemblea, sia il Comune di Arezzo con voto di giunta e consiglio comunale, hanno deciso di non presentare la richiesta. Decisioni queste che hanno creato un intenso dibattito cittadino e sulle quale il mondo della politica continua a interrogarsi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento