menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coingas, slitta il voto per la costituzione di parte civile. Arezzo torna in giunta con il parere legale

Anche i sindaci civici e del centro destra a favore della costituzione di parte civile. Il parere legale inequivocabile, in giunta anche Bibbiena

Un'altra assemblea di Coingas che finisce con una non decisione. Nemmeno oggi si è arrivati alla votazione dei soci sulla delicata questione della costituzione di parte civile della stessa Spa in vista dell'udienza preliminare sul caso Coingas-Estra-Multiservizi fissata per il 23 marzo prossimo. 

La riunione a distanza è terminata con la proposta di ritrovarsi di nuovo giovedì così che il Comune di Arezzo, rappresentato dalla vicesindaca Lucia Tanti, possa prendere una decisione in giunta dopo che oggi è stato prodotto un parere legale in merito alle tempistiche di costituzione di parte civile. 

Alcune delle parti politiche in causa come OraGhinelli e Fdi, componenti della maggioranza che sostiene Alessandro Ghinelli sindaco (imputato di fronte al Gup), hanno infatti proposto e sostenuto che fosse opportuno farlo dopo il rinvio a giudizio. Di parere diverso e cioè per l'immediata costituzione, con un'azione civile nella eventuale sede penale, la Lega.

Scortecci lascia la riunione, la relazione dell'avvocato

Mentre l'amministratore unico di Coingas Franco Scortecci ha lasciato la riunione (è imputato nella stessa udienza preliminare) l'assemblea è stata presieduta da Giuliano Faralli del collegio dei revisori dei conti.

E' stato l'avvocato David Scarabicchi a relazionare a distanza rispetto al quesito che l'assemblea gli aveva posto e le conclusioni sono state chiare: lo strumento per tutelare Coingas è quello della costituzione civile, quindi fare un'azione civile all'interno del processo penale e che sarebbe da fare assolutamente entro il 23 marzo, data in cui gli imputati si presentaranno di fronte al Gup. 

L'assemblea, partecipata circa al 90%, come raramente accade, ha visto quasi tutti d'accordo, a partire dai sindaci di area di centro sinistra che a suo tempo avevano chiesto questo tipo di azione, ma compresi i comuni guidati da civici e da sindaci di centro destra come ad esempio Castiglion Fiorentino e Cortona.

E' stata la vicesindaca di Arezzo Lucia Tanti a chiedere di potersi fermare perché ha sottolineato di avere pareri contrastanti e che per questo avrebbe voluto passare di nuovo dalla giunta per ricevere un mandato chiaro. Anche Bibbiena ha chiesto di poter discuterne in giunta con il parere legale alla mano che arriverà in forma scritta nelle prossime ore.

A questo punto è stata accolta la richiesta di rinvio, ma non servirà una nuova convocazione e saranno valide le deleghe presentate oggi. Giovedì 25 alle 14,00 i comuni si riuniranno di nuovo solamente per esprimere il proprio voto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    Come si trasforma il nostro corpo quando ci innamoriamo

  • Eventi

    Benedetta Torrini vince Sanremo Newtalent

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento