rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Cronaca

Hub vaccinali in chiusura: stop al Teatro Tenda, ultimi giorni per Bibbiena, Cortona e Sansepolcro. La mappa

Campagna vaccinale dell’Asl Toscana sud est, si cambia: ancora operativi otto centri nelle tre province. Il dg D’Urso: “Elevata copertura della popolazione e strategie alternative, ecco la nuova organizzazione”

A rimanere operativi saranno l'Arezzo Fiere e Congressi, il centro vaccinale di Cortona e quello di Loro Ciuffena. Il resto dei presidi entro il 31 ottobre chiuderà i battenti. Come annunciato dalla Asl Toscana sud est la geografia degli hub vaccinali presenti in provincia di Arezzo cambia. "Le mutate esigenze della campagna diffusa anti-Covid e l’elevata copertura della popolazione fin qui raggiunta hanno portato a una revisione dell’offerta sul territorio - hanno fatto sapere dall'azienda sanitaria - E così, a partire dal primo novembre, resteranno otto i centri aperti su tutto il territorio nelle tre province (Arezzo, Siena e Grosseto), ai quali si potrà continuare ad accedere anche senza prenotazione".

Tutti coloro che avevano già una prenotazione per uno degli altri dodici centri non più operativi saranno contattati dal personale dell’Asl Toscana sud est, con l’indicazione della sede del nuovo appuntamento

La mappa dei centri vaccinali operativi e in chiusura

In provincia di Arezzo, come detto, resteranno operativi il Centro Affari di via Spallanzani, l’auditorium a Loro Ciuffenna e il distretto sanitario a Cortona. Quattro invece i centri che formalmente chiuderanno la propria attività e sono: ad Arezzo il Teatro Tenda, il Centro sociale a Bibbiena, la Berrettini-Pancrazi a Cortona, il Foro Boario a Sansepolcro.

“La nuova strategia organizzativa della campagna anti-Covid è determinata dall’elevato grado di copertura della popolazione, con oltre un milione e duecentomila dosi somministrate e oltre l’86 per cento di vaccinati, l’adozione di strategie alternative come i camper che hanno prodotto risultati significativi sul territorio, infine il coinvolgimento sempre più strutturato di medici di medicina generale e farmacie – commenta Antonio D’Urso, direttore generale dell’Asl Toscana sud est –. Proseguirà l’impegno del nostro personale e delle nostre strutture e saranno inoltre attivati, per il supporto alla campagna, anche le sedi territoriali: ambulatori vaccinali dei dipartimenti di prevenzione, distretti, Case della salute, ambulatori ospedalieri. Una nuova organizzazione che non deve farci dimenticare il grande lavoro e il rilevante sforzo del sistema sanitario di questi mesi, per il quale il nostro grazie va a tutti coloro che si sono messi a disposizione: dai soggetti istituzionali, che hanno collaborato con pieno spirito di servizio, a quelli privati. I risultati fin qui raggiunti sono sì importanti, ma al tempo stesso un incentivo per proseguire con il massimo impegno nella lotta alla pandemia”.

Qui Casentino: ultimo giorno per l'hub di Bibbiena

L'ultima giornata di lavoro e poi, chi dovrà ricorrere al vaccino anti Covid potrà recarsi o dal medico di base, al distretto sanitario oppure presso gli altri hub rimasti operativi. Oggi, 29 ottobre, il centro sociale di Bibbiena ha aperto le porte per l’ultima seduta vaccinale. Qui, da inizio della campagna di immunizzazione, sono stati somministrati più di 40mila vaccini mentre, accanto ai sanitari, sono stati oltre 40 i volontari impegnati. Quest'oggi il sindaco di Bibbiena Filippo Vagnoli oggi ha voluto portare ringraziare personalmente questo gruppo di cittadini che si sono messi a disposizione di un’intera comunità.

L’hub vaccinale del centro sociale ha avuto un ruolo fondamentale servendo tutti i cittadini del Casentino grazie al lavoro dei volontari e dei sanitari - ha specificato Vagnoli - Ricordo che questo salone è stato messo a disposizione gratuitamente dal centro sociale di Bibbiena Stazione e qui i nostri concittadini hanno svolto un servizio la cui importanza e grandezza forse ancora non ci è chiara fino in fondo. Sono invece convinto che fra qualche anno, ripensando a questi momenti, capiremo quanto il sacrificio di queste persone sia stato immenso. Anche grazie a loro siamo riusciti ad avere il 90% di vaccinati. Questo è un dato, ma oltre al dato numerico ci sono loro, le persone con il loro valore e il loro spirito di sacrificio. In questo anno hanno affiancato in maniera mirabile i sanitari, hanno fornito appoggio, hanno offerto un’organizzazione impeccabile che ha consentito a questa campagna storica di svolgere appieno le sue attività”.  

Silvio Bruni, presidente del centro sociale, ha posto l'accento su come “oggi si conclude un’esperienza che rimarrà nei cuori di tutti noi volontari. Certamente non è stato facile, perché il nostro ruolo poi si è trasformato in qualcosa di molto più complesso. Per la gente che è venuta qui siamo stati un appoggio e una guida. I momenti belli si sono accostati a quelli più duri, ma per noi è stato senz’altro qualcosa che segnerà la nostra storia personale”. L’amministrazione ha deciso di promuovere nelle prossime settimane la campagna #iocimettoilcuore, una sorta di presentazione dei volti e dei pensieri di tutti coloro che hanno donato il proprio tempo per aiutare il prossimo nel corso della campagna vaccinale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hub vaccinali in chiusura: stop al Teatro Tenda, ultimi giorni per Bibbiena, Cortona e Sansepolcro. La mappa

ArezzoNotizie è in caricamento