"Sembra Černobyl". Quella bomba ecologica a due passi da Arezzo

L'ex stabilimento Fontemura è abbandonato da quesi venti anni, quando l'azienda fallì. Un sopralluogo del consigliere comunale Meri Stella Cornacchini ha riportato sotto i riflettori il degrado sull'Alpe di Poti

Sull'Alpe di Poti c'è lo stabilimento della vergogna. L'ex Fontemura è abbandonato da quesi venti anni, quando - nel 2002 - l'azienda fallì. Due giorni fa un sopralluogo del consigliere comunale Meri Stella Cornacchini - postato nel gruppo facebook "Arezzo nel cuore" -  ha riportato sotto i riflettori il degrado dell'area. Mentre alcuni lotti di terreno, dopo il fallimento, sono stati assegnati, il capannone è ancora da vendere. Tornerà all'asta nei prossimi mesi, dopo che l'ultima è andata deserta. Dentro c'è un po' di tutto: casse d'acqua, plastica, rottami arrugginiti. Di seguito le immagini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tensione al supermercato: zuffa tra due signore, arrivano i Carabinieri

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Coronavirus, Ghinelli a Firenze: "Proporrò la chiusura delle scuole"

  • Coronavirus, primi casi in Toscana. Due tamponi positivi a Firenze e Pistoia

  • Coronavirus, numeri telefonici presi d'assalto. Rossi: "Negli ospedali percorsi dedicati". L'appello ai cittadini

  • Coronavirus, Arezzo fa prevenzione. Dal Ministero: "Isolamento obbligatorio in caso di contatto con infetti"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento