Caso Martina Rossi, i dubbi di Luca confidati a un ispettore: agli atti documento in cui parla della caduta

Le parole confidate ad un poliziotto amico entrano nel processo per la morte di Martina Rossi. A pronunciarle è stato uno dei due giovani aretini che siedono sul banco degli imputati, Luca Vanneschi. L'agente, anche lui aretino, che ha ascoltato...

martina-rossi

Le parole confidate ad un poliziotto amico entrano nel processo per la morte di Martina Rossi. A pronunciarle è stato uno dei due giovani aretini che siedono sul banco degli imputati, Luca Vanneschi. L'agente, anche lui aretino, che ha ascoltato il giovane è stato poi sentito dagli inquirenti in merito a questo colloquio, e quanto emerso è stato acquisito proprio ieri agli atti. Una "sit", come viene definita in gergo, che pur in apparenza marginale rispetto all'enorme mole di atti entrati nel fascicolo, potrebbe andare in contrasto con quella che è stata la ricostruzione dei giovani stessi. La vicenda è infatti delicatissima, e potrebbe bastare un'affermazione più incerta a far vacillare quanto fino ad oggi sostenuto da difesa e accusa.

E proprio uno dei legali di parte civile, Luca Fanfani, sottolinea quanto di importante ci sia in quella sit. Come emerso in aula, l'agente in questo colloquio aveva chiesto al giovane che lo aveva contattato, di parlargli di cosa era avvenuto. Ma rispetto alla versione sempre sostenuta dai due giovani - ovvero che Martina sia corsa verso il balcone e si sia gettata volontariamente - ci sarebbe stato qualche importante tentennamento. Luca avrebbe detto di non aver capito cosa era successo: al momento della confidenza con l'ispettore, cioè, non aveva ben chiaro se Martina fosse precipitata o si fosse gettata.

Si tratta ovviamente di poche riche all'interno di una "sit" più corposa, ma che prese da sole per l'accusa possono diventare uno strumento in più per contestare la versione dei due ragazzi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto il procedimento prosegue. Il prossimo 31 ottobre saranno ascoltati i testi della difesa di Alessandro Albertoni. Poi, il 9 novembre gli ultimi testi di entrambe le difese, tra questi anche i consulenti di parte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Trovato morto l'uomo scomparso da 15 giorni

  • Muore in moto a 51 anni: dramma alle porte della provincia di Arezzo. Era in viaggio col figlio

  • Miss Toscana a 17 anni, il teatro Petrarca, gli affetti. Anna Safroncik: "Vi racconto la mia Arezzo"

  • Altri nove positivi in provincia di Arezzo: per lo più giovani e giovanissimi rientrati da Grecia, India e Romania

  • Positivi al Covid dopo le vacanze a Corfù, il racconto: "Solo noi con la mascherina in discoteca, l'abbiamo tolta"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento