Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Caso Martina, Vanneschi e Albertoni condannati a 3 anni: confermata la sentenza di primo grado

I giudici hanno accolto la tesi dell'accusa secondo la quale la giovane studentessa ligure nella drammatica notte del 3 agosto 2011 avrebbe cercato di fuggire dalla stanza 609 dell'albergo Santa Ana di Palma di Maiorca per evitare un tentativo di violenza sessuale

Si è concluso con una condanna il processo d'appello bis per la morte di Martina Rossi. Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni, i due giovani di Castiglion Fibocchi, sono stati condannati a tre anni per tentata violenza sessuale di gruppo. La corte fiorentina ha confermato di fatto la sentenza avuta in primo grado, ribaltando quanto avvenuto nel primo processo d'appello. 

I giudici hanno accolto la tesi dell'accusa secondo la quale la giovane studentessa ligure nella drammatica notte del 3 agosto 2011 avrebbe cercato di fuggire dalla stanza 609 dell'albergo Santa Ana di Palma di Maiorca per evitare un tentativo di violenza sessuale.

All'udienza erano presenti i genitori di Martina, Bruno Rossi e Franca Murialdo, con i legali Luca Fanfani e Stefano Savi

"Esprimo soddisfazione per il provvedimento emesso dalla Corte d'Appello di Firenze, che è in linea con la sentenza di condanna di primo grado e con il pronunciamento della Cassazione e al tempo stesso in linea con la realtà dei fatti. E' stata riconosciuta la colpevolezza piena degli imputati". Lo ha detto l'avvocato Stefano Savi.

I due giovani aretini imputati, assistiti dai legali Tiberio Baroni e Stefano Buricchi, erano presenti in aula: hanno seguito l'udienza, ma non erano presentiu in aula al momento lettura della sentenza da parte del presidente della Corte, il giudice Alessandro Nencini. Erano le 16 circa quando i giudici sono usciti dalla camera di consiglio.

"E' una sentenza che riteniamo errata - ha commentato Buricchi con i giornalisti dopo l'udienza-, come riteniamo errata la sentenza di primo grado. Se in Italia ci sono tre gradi di giudizio è perché i giudici possono sbagliare. Attenderemo le motivazioni e impugneremo in cassazione questa sentenza, siamo assolutamente convinti dell'innocenza del nostro assistito".

La vicenda processuale

In primo grado ad Arezzo il 14 dicembre 2018 i due imputati vennero condannati a 6 anni di reclusione per tentato stupro e morte in conseguenza di altro reato (poi estinto per intervenuta prescrizione). Il 9 giugno 2020 la Corte d'appello di Firenze aveva assolto Albertoni e Vanneschi "perché il fatto non sussiste". La Suprema Corte di Cassazione lo scorso 21 gennaio ha annullato la sentenza di assoluzione disponendo un nuovo processo per i due imputati come aveva sollecitato, nel corso della requisitoria, il sostituto procuratore generale Domenico Seccia e accogliendo i ricorsi presentati dalla procura generale di Firenze e dalla parte civile. Ora la decisione di condanna per gli imputati da parte della Corte d'appello di Firenze nel processo bis.

Ultimo aggiornamento ore 19

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Martina, Vanneschi e Albertoni condannati a 3 anni: confermata la sentenza di primo grado

ArezzoNotizie è in caricamento