rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Caso Guerrina, padre Silvano: "Graziano? Per me è innocente. Ma non so che fine abbia fatto lei" - VIDEO

"Se non pensassi che padre Graziano è innocente, non sarei venuto fin qui oggi dalla Francia".  Padre Sylvain Kalangafondo Gereduba, il religioso che il giorno della scomparsa di Guerrina Piscaglia era a Ca' Raffaello insieme a Gratien Alabi è...

"Se non pensassi che padre Graziano è innocente, non sarei venuto fin qui oggi dalla Francia". Padre Sylvain Kalangafondo Gereduba, il religioso che il giorno della scomparsa di Guerrina Piscaglia era a Ca' Raffaello insieme a Gratien Alabi è arrivato questa mattina ad Arezzo per deporre in aula, convocato dal Pm Marco Dioni. La sua presenza non era scontata: invece il sacerdote è arrivato alle 8.45 circa e ha atteso l'inizio dell'udienza seduto in disparte senza negarsi ai giornalisti.

In francese, a voce bassa, quasi intimidito da tante telecamere, ha raccontato quella giornata: "Non ho visto Guerrina e in canonica non ho visto nessun cellulare oltre a quello di padre Graziano".

E alla domanda se Guerrina è viva o morta ha risposto: "Je ne le sais pas". Non lo so.

Poi si è soffermato anche sulla telefonata avuta con padre Graziano: "Non ricordo nessuna valigia nera. La mia preoccupazione in quel momento era legata ai rapporti che avevamo tra di noi e null'altro". Poi il via all'udienza. Incalzato dal pm Marco Dioni il religioso ha affermato di non aver mai notato nulla di particolare tra Guerrina e Gratien, poi ha confermato di aver mangiato in canonica con i confratelli quel 1 maggio e di essere quindi andato a dormire e poi a celebrare una messa in un paese poco lontano. No, racconta di non aver visto Guerrina in quelle ore e di aver parlato di lei con il confratello solo per una questione relativa alla confessione.

Poi le domande si sono spostate sulla chat Skype e sulle conversazioni con un profilo denominato «Glory to God», che in seguito lo avrebbe minacciato di diffondere immagini hard se non avesse pagato. Un episodio che però non avrebbe nulla a che vedere con la vicenda di Guerrina.

Si parla di

Video popolari

Caso Guerrina, padre Silvano: "Graziano? Per me è innocente. Ma non so che fine abbia fatto lei" - VIDEO

ArezzoNotizie è in caricamento