Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

Caso Guerrina, appello depositato. Entro l'inizio dell'estate le sorti di Gratien potrebbero essere ribaltate

La richiesta è stata depositata venerdì scorso. I legali di padre Gratien Alabi, Riziero Angeletti e Francesco Zacheo, come da tempo annunciato, hanno inoltrato l'appello verso la sentenza che condanna il religioso a 27 anni di carcere per la...

sentenza padre Graziano11

La richiesta è stata depositata venerdì scorso. I legali di padre Gratien Alabi, Riziero Angeletti e Francesco Zacheo, come da tempo annunciato, hanno inoltrato l'appello verso la sentenza che condanna il religioso a 27 anni di carcere per la scomparsa di Guerrina Piscaglia.

L'appello è stato formalizzato venerdì scorso e ieri sui social la notizia è stata divulgata con un ormai consueto tam tam. Dal giorno della sentenza sono passati tre mesi, 90 giorni. O quasi. Il termine ultimo per depositare la richiesta, infatti, era l'8 marzo. Ed era chiaro che i legali avessero intenzione di sfruttare tutto il tempo a loro disposizione: "La sentenza era composta da quasi 250 pagine, e non vogliamo lasciare niente al caso", aveva dichiarato alcuni giorni fa Angeletti.

Cosa accadrà adesso? L'intenzione della difesa è quella di ribaltare la situazione. Il giudice di appello infatti, ha la facoltà di dichiarare la nullità totale o parziale della sentenza appellata. Ed è plausibile che la sentenza di secondo grado arrivi entro l'inizio dell'estate. Secondo quanto auspicato dalla difesa, se i giudici terranno conto della condizione di padre Gratien, sottoposto a misura cautelare, il procedimento potrebbe prendere il via già a maggio. Poi, se la Corte fiorentina non richiederà l'ascolto di testi o ulteriori perizie, l'intero processo potrebbe concludersi in due udienze.

Pochi mesi dunque, per sapere se le sorti di padre Gratien Alabi, saranno ribaltate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Guerrina, appello depositato. Entro l'inizio dell'estate le sorti di Gratien potrebbero essere ribaltate

ArezzoNotizie è in caricamento