menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La protesta sale a Monastero, mamma Sara: "Dalle tre di questa notte senza luce e riscaldamento"

C'è rabbia e indignazione tra gli abitanti di Monastero, la località che si trova vicino al Bagnoro. La luce è saltata per il maltempo e gli interventi non sono ancora arrivati

"Ci siamo accorti che  la luce non c'era più alle quattro, adesso sono le 22, dopo 18 ore siamo ancora senza corrente. Siamo arrabbiati e non sappiamo quando il danno sarà ripristinato."

Mamma Sara si sfoga e trapela così tutta la sua rabbia per la condizione in cui si trova ancora questa sera. Abita a Monastero, una località della frazione del Bagnoro con la famiglia. La corrente elettrica sembra sia saltata alle tre della notte scorsa, quando qualche allarme ha cominciato a suonare. 

"Abbiamo fatto la richiesta di intervento all'Enel un quarto alle otto, abbiamo ricevuto il codice di rintracciabilità del guasto e ci hanno detto che entro le 14 di oggi sarebbe stato risolto, ma così non è stato, sono le 22 e ancora siamo senza luce. Nell'abitazione c'è mio figlio, un ragazzo con disabilità, in casa con giubbotto e sciarpa, la prima spesa fatta ieri dopo il periodo di quarantena per il Covid è ormai da buttare via, e due genitori ottantenni che sono adesso in poltrona con il cappotto. Come passeremo la notte? Vorremmo almeno saperlo, abbiamo 14 gradi al piano di sopra e 17 di sotto, le stufine elettriche non le posso usare, siamo riusciti a riaccendere i cellulari perché ricaricati in macchina."

Sara chiede un rapido intervento per la sua famiglia e per le altre della zona, circa 30 che sono senza corrente elettrica. "Non abbiamo ricevuto indicazioni, nemmeno un sms per capire le tempistiche, mi hanno detto che sono maleducata. Io invece sono molto indignata. Abbiamo chiamato anche vigili urbani e carabinieri ma ci hanno detto che loro non possono fare niente."

Ultimo aggiornamento: La luce è tornata a mezzanotte e 24.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento