Carabiniere in congedo scopre in Austria opera rubata a Caprese Michelangelo. Oggi la restituzione

In congedo da qualche anno, ma sempre con l'occhio allenato per riconoscere truffe. In questo caso si tratta di un'opera rubata in provincia di Arezzo nel 1998 e che nel mese di aprile scorso è stata notata da un carabiniere ormai in pensione in...

Caprese Michelangelo

In congedo da qualche anno, ma sempre con l'occhio allenato per riconoscere truffe. In questo caso si tratta di un'opera rubata in provincia di Arezzo nel 1998 e che nel mese di aprile scorso è stata notata da un carabiniere ormai in pensione in Austria, dove un'importante casa d'aste l'aveva proposta in vendita. Si tratta di un dipinto olio su tela raffigurante lo Sposalizio di Maria Vergine, copia della famosa opera di Raffaello Sanzio collocata presso l'Accademia di Brera a Milano. Il quadro, delle dimensioni di cm. 170 x 115, attribuito a Tommaso Lancisi, pittore del 1600 di Borgo Sansepolcro, è stato in quegli stessi giorni aggiudicato per quasi 40.000 euro ad un acquirente straniero.

Proprio in quei giorni, è arrivata al Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Firenze la segnalazione tempestiva del carabiniere in congedo, che negli anni '90 aveva prestato servizio nell'allora Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Artistico e che vedendo quell'opera ha subito sospettato la provenienza illecita.

I militari del Reparto specializzato dell’Arma hanno avviato le verifiche sul dipinto ed hanno accertato che effettivamente era stato rubato il 7 ottobre 1998 dalla Chiesa di San Paolo di Caprese Michelangelo insieme a molte altre opere.

Gli accertamenti, eseguiti con la collaborazione dei Carabinieri della locale Stazione e del Polo Museale Regionale della Toscana – Ufficio Ricerche e Catalogo, hanno consentito di appurare che nel 1926 la pala d’altare era stata data in deposito esterno dalle Gallerie Fiorentine alla Chiesa di Caprese e che la stessa presentava un particolare interesse storico, trattandosi dell’unica opera nota firmata dall’autore: “Thomas Lancisius Burcensis fa”.

Tutto questo ha permesso ai Carabinieri di attivare la Polizia austriaca e di bloccare la vendita del dipinto. Nel giugno 2015 la casa d’aste ha restituito l’opera su indicazione del proprietario del bene, un imprenditore emiliano che venuto a conoscenza della provenienza furtiva ha accettato di restituirlo trovandosi nella totale buona fede, dopo che aveva a suo tempo ottenuto anche il permesso di esportare l’opera da parte degli uffici competenti.

Rientrata in Italia la pala d’altare è stata sequestrata su disposizione della Procura della Repubblica di Arezzo che, a conclusione degli accertamenti e dopo aver raccolto il parere favorevole dell’Ufficio Competente del Polo Museale Regionale della Toscana, ne ha disposto la restituzione alla Chiesa di San Paolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La cerimonia di restituzione si è tenuta proprio oggi presso la Chiesa di San Paolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento