Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

Era caduto dal monopattino elettrico, morto il 67enne ricoverato a Siena

Dopo qualche giorno di ricovero in seguito alla caduta dal monopattino elettrico è deceduto lo storico autocarrozziere di Pratantico. Era molto conosciuto

Remo Lucci in un'immagine tratta dal suo profilo Facebook

Aveva provato il monopattino elettrico nel piazzale e lì era avvenuta improvvisa la brutta caduta. Remo Lucci, storico autocarrozziere di Pratantico è deceduto dopo alcuni giorni di ricovero in seguito alle serie conseguenze di quell'incidente.

E' questo il primo decesso ad Arezzo in seguito all'uso di un monopattino elettrico, quel mezzo alternativo per gli spostamenti brevi che sta andando tanto di moda in questi mesi, anche tra i giovanissimi. Al di la del caso specifico molti chiedono che scatti una normativa più stringente come ad esempio con l'obbligo di uso del casco. 

L'incidente 

L'incidente è avvenuto 8 giorni fa, nel pomeriggio del 12 giugno poco prima delle 17, nel comune di Arezzo. Lucci di 67 anni era caduto dal monopattino elettrico mentro lo provava a Pratantico, nel piazzale dove aveva la sua storica autocarrozzeria. L'Asl informò che aveva riportato vari traumi e che il Pegaso 1 lo aveva preso in carico e trasportato d'urgenza in codice rosso al Policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena. Il giorno successivo da Siena le notizie che arrivavano non erano positive. Si parlava comunque di gravi condizioni e del ricovero in rianimazione dopo che era stato sottoposto a un delicato intervento di neurochirurgia. Purtroppo l'esito non è stato positivo. 

Pratantico e Laterina unite nel dolore

Remo Lucci è deceduto nelle scorse ore gettando nello sconforto un'intera comunità dove era molto conosciuto e tanto apprezzato, sia dal punto di vista umano che professionale. "Ci associamo al dolore e porgiamo le nostre più sentite condoglianze alla famiglia Lucci per la prematura scomparsa di Remo - scrivono alcuni amici di Montalto - Con lui purtroppo se ne va un'altra di quelle persone stimate e benvolute e non poteva essere altrimenti del nostro paese. Genuino, altruista, sempre pronto alla battuta e alla risata, un'allegria contagiosa e con il suo sorriso sempre immancabile. Mancherai tantissimo a tutta la nostra comunità e a chiunque ti abbia conosciuto."

L'ultimo saluto si terrà martedì mattina alle 9,30. Lucci lascia la moglie e un figlio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Era caduto dal monopattino elettrico, morto il 67enne ricoverato a Siena

ArezzoNotizie è in caricamento