Ordigno bellico nella rocca di Civitella: giovedì 23 luglio la rimozione

A una settimana del rinvenimento l'ordigno verrà rimosso. Non sarà necessario evacuare il paese

Sono in programma giovedì prossimo, 23 luglio, alle ore 14 le operazioni di disinnesco e sgombero dell’ordigno bellico rinvenuto all’interno della rocca di Civitella in Val di Chiana durante le operazioni di recupero della struttura.

Ordigno bellico inesploso: chiusa la rocca di Civitella

L’allarme era scattato lo scorso 16 luglio con il responsabile della sicurezza del cantiere che aveva immediatamente allertato l’amministrazione comunale e i carabinieri della stazione di Badia al Pino, i quali avevano poi avviato l’iter per la rimozione. A una settimana esatta dal rinvenimento i militari del genio pontieri si occuperanno del disinnesco e della rimozione a partire dalle ore 14.

"Non ci sarà bisogno di far evacuare la popolazione - ha spiegato il sindaco Ginetta Menchetti - vogliamo però rivolgere l’invito a tutti gli abitanti affinché restino nelle proprie abitazioni in maniera tale da non ostacolare le operazioni dei militari".

Seguendo le direttive della Prefettura, il Comune chiuderà l’accesso al cuore del centro abitato. L’ordigno sarà rimosso e quindi caricato sui mezzi dei militari che provvederanno poi a farlo brillare all’interno di una cava in località Tramarino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento