Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Civitella, rimosso l'ordigno bellico. Trovati importanti reperti

Operazione lampo dei militari dell'esercito. Nuovo sopralluogo e poi la ripresa dei lavori

 

I militari dell'esercito sono arrivati poco prima delle 15 nel piccolo borgo di Civitella. ad attenderli un piccolo gruppo di curiosi, alcuni ragazzi assiepati dietro ad una finestra. In piazza, a due passi dalla rampa di scale che conduce alla rocca c'erano invece il sindaco, gli assessori Capacci e Nassini oltre alla polizia municipale e ai tecnici che si occupano della riqualificazione della rocca.

Quei lavori interrotti una settimana fa a causa proprio a causa dell'ordigno rinvenuto all'interno della torre. "E' un colpo sparato sicuramente da un cannone" spiegano i militari. Uno dei tanti che nelle prime due settimane di luglio le truppe alleate riversarono su Civitella.

Le operazioni supervisionate anche dai carabinieri della stazione di Badia al Pino sono state celeri come non mai. L'ordigno è stato così condotto fuori dalla rocca e quindi trasportato presso la cava Innocentini nel Comune di Arezzo, indicata dalla Prefettura per farla brillare.

"Eravamo a buon punto - ha sottolineato il sindaco Menchetti - i lavori erano quasi ultimati quando è stato scoperto l'ordigno. Siamo rimasti relativamente sorpresi perchè è chiaro che in luoghi del genere quando si va ad intervenire possono emergere certi reperti. Quello che invece ci ha stupito sono stati altri particolari, oggetti e non solo, che una volta terminata la riqualificazione faranno parte del nostro museo".

Nelle prossime ore dovrà esserci un nuovo sopralluogo da parte dei tecnici per capire se nell'ultimo tratto dove è previsto lo scavo e lo svuotamento possano celarsi altri pericoli risalenti al periodo bellico. Ad ogni modo Civitella ha fretta di poter riaprire a tutti il proprio simbolo alla luce anche di quanto è stato scoperto in occasione dei lavori.

"L'ordigno ha sicuramente fatto notizia - ha spiegato l'architetto Barbagli - ma ancor più importanti sono stati i rinvenimenti di alcune pareti davvero stupende oltre a quello di una cisterna sotterranea e di alcuni ingressi ad aree limitrofe".

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento