Cronaca

Blitz a Castiglion Fibocchi, prime convalide degli arresti

Gli imprenditori sono accusati di associazione a delinquere, riciclaggio di proventi illeciti e ricettazione con l’aggravante del reato transnazionale.

La prima convalida degli arresti è stata eseguita ieri, le altre tre sono invece in programma per sabato. Mentre la Guardia di Finanza sta procedendo con le ricerche degli ultimi tre destinatari di un mandato europeo per la vicenda del riciclaggio di oro e soldi che da Bologna ha portato i finanzieri fino ad Arezzo, i quattro arrestati aretini restano in carcere. 

Si tratta dei titolari della Castoro Srl, azienda orafa che conta vari dipendenti e con una storia pluridecennale alle spalle. I proprietari sono accusati di associazione a delinquere, riciclaggio di proventi illeciti e ricettazione con l’aggravante del reato transnazionale. Sarebbero stati seguiti per lungo tempo dalle Fiamme Gialle, con tanto di intercettazioni e applicazione di dispositivi Gps sulle loro vetture. Accertamenti condotti con l'ausilio dei finanzieri aretini che hanno permesso di far emergere scambi sospetti tra lingotti d'oro e soldi - entrambi considerati di dubbia provenienza - con un 50enne turco, considerato il fulcro dell'organizzazione.

Ieri è stato convalidato l'arresto di Rita Iacopi, il cui legale, Piero Melani Graverini sta valutando tutte le ipotesi per richiedere a una misura cautelare meno afflittiva. 

Sabato prossimo ci saranno le convalide degli arresti di SImone Iacopi, Giacomo Baldini e Alessio Frasconi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz a Castiglion Fibocchi, prime convalide degli arresti

ArezzoNotizie è in caricamento