Cronaca

Vertenza Bekaert: messa in liquidazione SteelCoop Valdarno

Calosi (Fiom Cgil), “Purtroppo parte della politica nazionale e locale non ha preso in seria considerazione il piano industriale presentato dalla SteelCoop Valdarno, mancando di rispetto a tutti i soggetti coinvolti nel progetto e negando, di fatto, una possibile risoluzione della vertenza”

Tra pochi giorni i lavoratori Bekaert che avevano dato vita ad una cooperativa con l'intento di tornare a produrre nello stabilimento di Figline Valdarno, metteranno in liquidazione la società. Viene meno così un'opportunità per tentare di far ripartire il lavoro in quella fabbrica.

"Come Fiom Cgil ci teniamo a ringraziare quei lavoratori per aver proposto con forza un'idea di economia e di sviluppo diversa, un progetto di auto imprenditorialità volto a difendere l'industria e le professionalità del nostro territorio.
Inoltre senza la cooperativa non sarebbero state riconosciute ulteriori sei mensilità di ammortizzatore sociale.
Purtroppo parte della politica nazionale e locale non ha preso in seria considerazione il piano industriale presentato dalla SteelCoop Valdarno, mancando di rispetto a tutti i soggetti coinvolti nel progetto e negando, di fatto, una possibile risoluzione della vertenza.
In Bekaert restano ancora 116 lavoratori che, se non ci saranno ulteriori novità, a marzo saranno disoccupati. In tal caso le responsabilità per i licenziamenti non saranno certo di chi, con coraggio, si è adoperato per cercare una soluzione."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertenza Bekaert: messa in liquidazione SteelCoop Valdarno

ArezzoNotizie è in caricamento