Cronaca

"Le banche non chiudono ma ai dipendenti servono le mascherine"

L'appello della Cgil: "Vengono segnalati comportamenti difformi tra gruppi bancari e assicurativi; diversi sia in merito, alla concessione del telelavoro, dei congedi e delle norme di protezione -spesso introvabili- che mettono a rischio l'incolumità dei lavoratori e dei cittadini"

Nota del sindacato Cgil sulle banche.

Il comma 4 del Dpcm dell 11 marzo sul contenimento del Coronavirus, garantisce in quanto ritenuti beni essenziali, il funzionamento ( ra gli altri) di sportelli bancari e assicurativi.
Lo stesso decreto sottolinea questa possibilità solo nel rispetto delle norme di igiene e sicurezza richiamate nei Dpcm dei giorni scorsi.

Data questa premessa, Cgil spiega:

Vengono segnalati comportamenti difformi tra gruppi bancari e assicurativi; diversi sia in merito, alla concessione del telelavoro, dei congedi e delle norme di protezione -spesso introvabili- che mettono a rischio l'incolumità dei lavoratori e dei cittadini. Nel ribadire che operatori senza elementi di protezione individuale operano in violazione dei suddetti Dpcm e che pertanto i responsabili di questa organizzazione del lavoro sono passibili di denuncia penale, sarebbe utile, come richiamato dal comunicato delle segreterie nazionali, che i servizi fossero garantiti solo con piccoli presidi a rotazione, interrompendo ogni attività commerciale che appare ridicola e insensata e che i cittadini rimanessero a casa. In ogni caso il sindacato si riserva di agire con ogni azione di tutela individuale. Sarebbe davvero utile, un soprassalto di intelligenza in queste ore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Le banche non chiudono ma ai dipendenti servono le mascherine"

ArezzoNotizie è in caricamento