Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Bancarotta, archiviata l'accusa per Boschi senior e altri 11 sulla liquidazione dell'ex Dg Bronchi

L'ipotesi di reato era relativa alla liquidazione dell'ex direttore generale Luca Bronchi da circa 700mila euro netti (1,2 milioni lordi) di cui 400mila già confiscati perché ritenuti non dovuti

E' stata archiviata l’accusa di bancarotta per Pierluigi Boschi, padre dell'attuale parlamentare di Italia Viva ed ex ministro Maria Elena, e altri 11 membri dell'ultimo cda di Banca Etruria. Le accuse erano relative alla liquidazione dell'ex direttore generale Luca Bronchi da circa 700mila euro netti (1,2 milioni lordi) di cui 400mila già confiscati perché ritenuti non dovuti. L'ipotesi di reato - riferisce oggi il Corriere di Arezzo - è ora caduta sia per Boschi, ex vice presidente dell'istituto di credito aretino, che per altri 11 consiglieri della banca (fatta eccezione per Giovanni Grazzini che si astenne e dell'ex presidente Lorenzo Rosi, già a processo).

Il Gip Piergiorgio Ponticelli aveva disposto a inizio anno un supplemento di inchiesta di due mesi prima di esprimersi definitivamente. Già lo scorso 4 ottobre, durante un'udienza della fase preliminare, aveva respinto la richiesta di non luogo a procedere avanzata dal procuratore Roberto Rossi. Ponticelli aveva quindi scelto di riascoltare sia le tesi dell'accusa l'accusa sia le parti per valutare meglio e decidere se ci fossero gli estremi per un procedimento per bancarotta colposa. Il supplemento di indagini è stato ora valutato dal giudice Lombardo, dopo la partenza di Ponticelli. E l'accusa di bancarotta è caduta.

Tuttavia per Boschi e gli altri ex consiglieri Etruria resta in piedi l'ipotesi del reato di bancarotta colposa per il filone “consulenze d’oro”. L'udienza è fissata per il 14 gennaio 2021.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bancarotta, archiviata l'accusa per Boschi senior e altri 11 sulla liquidazione dell'ex Dg Bronchi

ArezzoNotizie è in caricamento