Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Crac Banca Etruria, falso in prospetto: assoluzione per Fornasari, Bronchi e Canestri

La sentenza è stata pronunciata dal giudice Stefano Cascone del Tribunale di Arezzo, di fronte al procuratore capo Roberto Rossi, ai legali della difesa e delle parti civili. In aula l'unico imputato presente era David Canestri, affiancato dal legale Luca Fanfani

Una camera di consiglio di circa due ore e poi la decisione: tutti assolti perche il fatto non sussiste. Giuseppe Fornasari, Luca Bronchi e David Canestri, rispettivamente ex presidente, ex direttore e funzionario di Banca Etruria non sono responsabili della redazione di alcuni prospetti relativi a tre emissioni di subordinate ritenuti dalla procura di Arezzo ingannevole per i risparmiatore. 

La sentenza è stata pronunciata dal giudice Stefano Cascone del Tribunale di Arezzo, di fronte al procuratore capo Roberto Rossi, ai legali della difesa e delle parti civili (con i legali Lorenza Calvanese e Antonio Mastrota). In aula l'unico imputato presente era David Canestri, affiancato dal legale Luca Fanfani. 

Il capo di imputazione era relativo a tre complementi del prospetto: uno dell'aprile, uno del giugno e uno del dicembre del 2013. Per i primi due è subentrata la prescrizione. Per il terzo i tre imputati sono stati assolti. Anche in questo caso la prescrizione era incombente, sarebbe scattata entro due mesi. 

Le accuse della Procura

Le accuse ruotavano attorno alla comunicazione che Banca Etruria presentò alla Consob nel 2013 sul collocamento di tre emissioni delle obbligazioni subordinate (aprile, giugno e dicembre 2013). Secondo la procura, fu Luca Bronchi, su mandato dell'allora Cda, a compilare il prospetto ritenuto ingannevole per i risparmiatori. Un'ipotesi di reato che vedrebbe il concorso di Fornasari e Canestri. Su tale prospetto non sarebbero state chiare le condizioni di crisi in cui la banca versava e non sarebbe stato specificato il grado di rischio delle obbligazioni subordinate.

La pm aveva chiesto condanne di un anno e mezzo per Fornasari e Bronchi e un anno per Canestri.

Si parla di

Video popolari

Crac Banca Etruria, falso in prospetto: assoluzione per Fornasari, Bronchi e Canestri

ArezzoNotizie è in caricamento