menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bimbo di 3 anni dimenticato per sei ore sul bus: archiviazione per autista e accompagnatrice

Non c'è reato, secondo il giudice, una dimenticanza non penalmente perseguibile. I fatti risalgono al febbraio 2019, teatro degli eventi è il comune di San Giovanni Valdarno

Si è concluso con un'archiviazione il processo a carico delle due persone accusate di aver lasciato solo per ore un bambino di 3 anni, rimasto nello scuolabus che avrebbe dovuto portarlo all'asilo. Non c'è reato, secondo il giudice, una dimenticanza non penalmente perseguibile. I fatti risalgono al febbraio 2019, teatro degli eventi è il comune di San Giovanni Valdarno: il piccolo, al primo anno della scuola materna, era salito sul bus, per essere accompagnato in aula. Erano le 8 al momento in cui aveva lasciato casa, ma all'asilo non era mai arrivato. Dopo oltre sei ore, intorno alle 15, era stato ritrovato al deposito dei pullman, aveva ancora la cintura di sicurezza allacciata. Nessuno si era accorto che la mattina non era sceso. Per lui "solo" una lunghissima brutta giornata: il piccolo era in buone condizioni di salute quando è stato ritrovato. A seguito dell'episodio avevano preso il via le indagini che avevano portato a ipotizzare il reato per due figure, temporaneamente sospese: l'autista del bus e l'accompagnatrice della cooperativa che ha in gestione il servizio. Il caso era stato già chiuso e poi riaperto. Il 4 gennaio scorso, infine, è arrivata l'archiviazione per entrambi, dopo la richiesta avanzata dal pm Marco Dioni, accolta dal giudice Giulia Soldini. "Gravi errori e negligenze", secondo il giudice, perché l'accompagnatrice non si rese conto che era sceso un bimbo di meno e l'autista non controllò scrupolosamente che il bus fosse vuoto al momento della consegna in deposito. Ma non ci fu dolo. Il caso, secondo il verdetto, è però “di sicuro rilievo civlistico”. Come riporta il Corriere di Arezzo, i genitori del piccolo, sono però amareggiati dalla decisione e potrebbero continuare la battaglia giudiziaria assieme all'avvocato Paolo Peretoli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento