"Vietato uscire dal comune". Badia Tedalda diventa "zona arancione", l'ordinanza del sindaco

L'ordinanza è entrata in vigore da mezzanotte e sarà valida, salvo ulteriori disposizioni, fino al 16 aprile

I rifornimenti saranno garantiti ma le uscite invece, saranno fortemente limitate. E’ il sindaco di Badia Tedalda ad emettere l’ordinanza con la quale viene delimitata una sorta di “zona arancione” in tutto il territorio comunale. Una precauzione necessaria visti, soprattutto, i numeri che l’emergenza ha raggiunto nella minuscola comunità aretina alle porte della Romagna. 

Le limitazioni sono entrate in vigore dalla mezzanotte di oggi e saranno valide fino al 16 aprile. Attualmente i residenti risultati positivi al Covid-19 sono 26, ovvero lo 0,178 per cento della popolazione. Tre i deceduti, 15 i positivi già accertati a cui se ne sono aggiunti altri 11 (di cui 7/8 di Ponte Presale, 1 di Caprile, 1 di Pratieghi, e gli altri 16/17 di Badia Tedalda Capoluogo). Dei tre anziani della rsa ricoverati in ospedale solo uno è risultato positivo mentre gli altri 2 sono negativi. Tutte le operatrici socio-sanitarie del centro anziani di Badia sono risultate negative. Nel pomeriggio di ieri sono stati fatti 41 tamponi. Una fotografia critica per questo minuscolo capoluogo che conta in tutto circa 1000 abitanti. Ed è in considerazione delle proporzioni assunte che giunge l’ordinanza sindacale firmata da Santucci. 

“Ho dovuto emettere un’ordinanza comunale - spiega in un post su Facebook il sindaco - che crea una sorta di “zona arancione” nel nostro territorio comunale, senza vincolare i rifornimenti provenienti dall’esterno ma limitando le uscite dal capoluogo alle frazioni e verso gli altri comuni ai soli casi autorizzati con specifico decreto sindacale. Se non lo facevo io lo avrebbe fatto la Regione Toscana vista la moltitudine dei residenti risultati positivi al virus e la significativa percentuale sulla popolazione totale. Il provvedimento è stato redatto dal sottoscritto, corretto dal prefetto di Arezzo e condiviso con Regione Toscana, Provincia di Arezzo, Comune di Sestino, giunta e consiglio comunale di Badia Tedalda. Chi ha necessità assoluta di uscire dal comune di Badia per una visita specialistica, o per ragioni inderogabili di lavoro, oppure per rifornire (una volta la settimana max) il proprio alimentari, frutta-verdura o la farmacia chieda il permesso scritto indicando con precisione motivo e data del viaggio (da Badia via/loc. a comune di... via/loc.) a ragioneria@comunebadia.it Questo provvedimento non ha efficacia per l’Isola Amministrativa e non esclude la possibilità per i pontigiani (abitanti di Ponte Presale) di continuare ad entrare a Badia Tedalda. Io il mio impegno c’è l’ho messo cercando di produrre un provvedimento utile e calibrato sulle nostre esigenze e particolarità territoriali ora cerchiamo tutti quanti di rispettarlo. #badianonmolla”.

E poi un chiarimenti circa l’ordinanza sindacale stessa. La disposizione infatti “non chiude in entrata (per esempio, i camion di fornitori alimentari o postali possono continuare a venire) ma restringe le uscite; si applica solo ai residenti nel comune di Badia Tedalda, isola esclusa (ai non residenti nel comune e ai residenti nell’enclave non si applica); chi risiede nelle frazioni può circolare all’interno del comune e rientrare a casa senza bisogno di decreto sindacale; chi risiede nel capoluogo (cioè Badia Paese = Badia Bassa+ Badia Alta+Peep+Ghetto+Serrette) non può uscire nelle altre frazioni senza permesso; la sanzione è di 1.000 euro per ogni infrazione; vietati accessi a tutti i cimiteri, giardini pubblici e impianti sportivi (anche nell’isola); vietati assembramenti con più di due persone nei luoghi pubblici; rispetto della distanza di almeno un metro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il grafico elaborato dal Comune di Arezzo sull'epidemia in provincia (dato aggiornati al 25 marzo)
Schermata 2020-03-25 alle 18.41.07-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Ciclista va in arresto cardiaco e cade rovinosamente. Rianimato: è grave

  • "Addio Enrico", quell'amore per moto e calcetto. Il dolore di Palazzo del Pero: attesa per i funerali

  • Coronavirus, sei nuovi casi nell'Aretino. Contagiati 19enni di ritorno da una vacanza all'estero

  • "Mio fratello era buono e solare. Lo porterò con me in un tatuaggio"

  • Codice giallo per pioggia e temporali: l'elenco dei comuni aretini interessati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento