Scrive su Whatsapp la sua disperazione: badante salvata dai carabinieri. "Rintracciata grazie agli amici sui social"

Il drammatico episodio è avvenuto nella sera di sabato scorso. Una donna ha chiamato la Centrale Operativa della Compagnia di Arezzo segnalando di aver ricevuto messaggi su Whatsapp nei quali la conoscente annunciava un gesto estremo.

Aveva scritto messaggi su Whatsapp ad una conoscente manifestando la sua disperazione e l'intenzione di compiere un gesto estremo. Una 70enne aretina è stata salvata grazie alla tempestività della signora che ha ricevuto i messaggi e subito ha chiamato i Carabinieri. 

Il drammatico episodio è avvenuto nella sera di sabato scorso. Una donna ha chiamato la Centrale Operativa della Compagnia di Arezzo segnalando di aver ricevuto tali messaggi.

La signora ha riferito agli operatori di non conoscere bene la donna, ma di sapere che lavorava come badante presso una famiglia di Arezzo. Il suo contatto le era stato fornito proprio perché cercava lei stessa una badante. 
I Carabinieri hanno quindi cercato di risalire,  tramite i social network, alla completa identità della donna e alla sua localizzazione. Ne hanno verificato le amicizie e, contattandole, e alla fine sono riusciti a scoprire la sua identità: si trattava di donna in una 70enne del luogo.

I carabinieri della Sezione Radiomobile, inviati sul posto, sono riusciti ad entrare nell'abitazione grazie al proprietario 90enne. L'anziano era ignaro di tutto ed è stato colto di sorpresa. I militari hanno trovato la badante riversa sul letto, in stato di incoscienza per la massiccia assunzione di antidepressivi e neurolettici. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell’immediatezza i militari - spiega una nota del Comando Provinciale dei Carabinieri - ,  conoscitori delle procedure di primo soccorso, hanno indotto la donna a rigurgitare quanto ingerito e dopo averla posta nella posizione laterale di sicurezza sul fianco, hanno attesa l’arrivo di personale sanitario del “118” che l’ha portata all’ospedale “San Donato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre: ipotesi coprifuoco. Novità su scuola e bus

  • Dilettanti, è ufficiale: stop ai campionati

  • Coronavirus Toscana: oggi 866 nuovi casi, 13 i decessi. La mappa provincia per provincia

  • Covid. Ecco la nuova ordinanza regionale. Giani: "Verso didattica a distanza e presenze contingentate nei centri commerciali"

  • Coronavirus: +812 casi oggi in Toscana e due morti. I dati, provincia per provincia

  • Dilettanti, ecco i campionati costretti allo stop

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento