E45, pilone si sgretola: la Procura acquisisce il video. Nuovi accertamenti

Nei prossimi giorni il video dovrà essere sottoposto ad una valutazione tecnica per capire innanzitutto l'esatta collocazione e poi verificare se emergono elementi che possano attestare una reale pericolosita del tratto.  Insomma gli accertamenti tecnici necessari per dare il via ad indagini più accurate. 

Il pilone che si sgretola e i tiranti di ferro arrugginiti: il video del pensionato che in Valsavignone, al confine del comune di Pieve Santo Stefano, ha testimoniato il drammatico stato della E 45 ha lasciato sgomenti gli aretini. Le immagini sono talmente inquietanti da essere state acquiste dalla Procura di Arezzo. Ne dà conferma il procuratore capo Roberto Rossi. Questa mattina i carabinieri sono stati incaricati di acquisire il video e si sono recati in Valtiberina per contattare l'autore.

Nei prossimi giorni il video dovrà essere sottoposto ad una valutazione tecnica per capire innanzitutto l'esatta collocazione e poi verificare se emergono elementi che possano attestare una reale pericolosita del tratto.  Insomma gli accertamenti tecnici necessari per dare il via ad indagini più accurate. 

IL VIDEO "Il ferro è tutto finito"

Il video divenuto virale mostra il pilone al confine con la Romagna in condizioni che appaiono davvero inquietanti e si sentono in sottofondo le parole del pensionato che esclama: "Il ferro è tutto finito". L'uomo che lo ha condiviso, racconta di essere andato a cercare tartufi, quando si è ritrovato sotto ai piloni e, vedendo in quale condizione fossero ha deciso di fare un filmato con il proprio cellulare. Il video è stato poi condiviso su Facebook ed è divenuto virale.

INCHIESTA SUL CROLLO L'amianto sotto la piazzola franata

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA LETTERA A CONTE

Da tempo sulla sicurezza nel tratto aretino i residenti e i pendolari lottano a suon di esposti. Il gruppo Facebook Vergogna E45, all'indomani del crollo del ponte di Genova, scrisse anche al premier Conte, al ministro Toninelli e ai due vice premier Salvini e Di Maio. La missiva conteneva la richiesta di intervento urgente per la messa a norma e in sicurezza con risanamento strutturale dei viadotti per scongiurare l'ennesima strage annunciata. E dopo il video pubblicato nelle scorse ore anche nel gruppo Facebook, emerge in tutta la sua drammaticita l'estrema attualità di questo appello. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento