Attentato a Strasburgo, la testimonianza di Lucia De Robertis "Due ore al buio sotto al tavolo, ma stiamo bene"

In vacanza con la famiglia si trovava in un ristorante del centro storico quando è scattato l'allarme

La paura non è ancora del tutto passata quando Lucia De Robertis ha inziato a mettersi in contatto con l'italia. Testimone quasi diretta dell'attentato di Strasburgo dove per adesso il bilancio parla di 4 morti e di 11 feriti di cui alcuni molto gravi.

La vice presidente del consiglio regionale della Toscana si trova in Francia in vancanza con la famiglia, il marito Carlo Gabellini, le sorelle Maria e Laura, il fratello, il giornalista di Qn, Pierfrancesco e suo figlio Marco. Al momento degli spari si trovavano all'interno di un ristorante nei pressi della cattedrale, hanno capito che qualcosa non andava perché hanno prima visto entrare una donna trafelata con il bimbo in braccio, poi dopo poco gli addetti del ristorante hanno fatto segni di ripararsi tutti sotto i tavoli e di stare li, mentre loro stessi hanno tappato con le tovaglie tutte le vetrate. Sono state due lunghe ore passate a tenersi per mano e a sperare che non succedesse nulla, 

Il primo segnale di distensione è arrivato poi dalla sua pagina Facebook, con un messaggio che ha portato le prime notizie agli amici di Lucia:

"Strasburgo. Quando per due ore tremi sotto ad un tavolo con le persone che ami sperando di salvarti la vita tutto assume un altro significato. Sta finendo tutto bene."

Poi il contatto telefonico con il quale ci ha raccontato quegli attimi, la paura, ma anche i primi momenti in cui non capivano cosa stesse succedendo. "L'arrivo delle sirene della polizia ci ha fatto capire che il peggio era passato." Poco prima delle 23:00, ancora dentro al ristorante, nel centro di Strasburgo, proprio vicino alla cattedrale e quindi nel raggio in cui è scattato il massimo allarme.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'attentato è infatti stato localizzato principlamente nella Rue de Grandes Arcades, luogo del tipico mercatino di Natale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento