Cronaca

Assolto l'avvocato tutore della disabile picchiata dai collaboratori domestici: "Non sapeva delle violenze"

E' stato assolto l'avvocato tutore della disabile psichica picchiata e maltrattata dai due collaboratori domestici cingalesi che avrebbero dovuto prendersi cura di lei. Il legale, secondo l'accusa, era al corrente degli episodi e non avrebbe...

picchiata-badante7

E' stato assolto l'avvocato tutore della disabile psichica picchiata e maltrattata dai due collaboratori domestici cingalesi che avrebbero dovuto prendersi cura di lei. Il legale, secondo l'accusa, era al corrente degli episodi e non avrebbe denunciato. Il tribunale di Arezzo ha però assolto l'imputato.

Il caso esplose nel novembre del 2016

Avrebbero dovuto prendersi cura dell'aziana invalida che, gratuitamente, li ospitava in casa. Ne erano diventati, invece, gli aguzzini. Si è conclusa con il provvedimento di allontanamento dalla casa familiare e la notifica - ordinata dalla magistratura aretina - del divieto di avvicinarsi a tutti i luoghi frequentati dalla vittima nei confronti di una coppia di cingalesi la triste vicenda che ha visto protagonista, suo malgrado, una signora aretina di 66 anni, disabile, oggetto di ripetute violenze da parte di due presunti collaboratori domestici. Due giorni fa la conclusione dell'indagine condotta assieme dalla polizia e dai carabinieri di Arezzo. (...) (La donna) veniva picchiata ripetutamente: piatti rotti in testa, colpi con il manico di utensili, coltelli puntati alla gola. A volte, veniva lasciata chiusa fuori di casa.

Nei confronti dei due cingalesi venne presa come misura cautelare la detenzione carceraria, provvedimento poi revocato.

Nell'estate del 2017 i due patteggiarono una pena di 2 anni e 10 mesi di reclusione.

Nel frattempo però, era rimasto impigliato nelle maglie dell'inchiesta il legale tutore della disabile, l'avvocato Enrico Burali, con l'accusa di concorso in maltrattamenti e lesioni. Già nel marzo del 2017, però, l'iniziale interdizione dello svolgimento della professione venne revocata. A giugno dello stesso anno, il Riesame riabilitò il legale. E adesso la disavventura è giunta all'epilogo, con l'assoluzione.

In sostanza, l'avvocato Burali non poteva sapere dei maltrattamenti, così ha decretato il giudice Angela Avila. Burali si è avvalso della figura di Antonio Bonacci come legale difensore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assolto l'avvocato tutore della disabile picchiata dai collaboratori domestici: "Non sapeva delle violenze"

ArezzoNotizie è in caricamento