menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Volto coperto e audacia da leoni: caccia agli assaltatori di bancomat. Così il colpo al centro commerciale

I carabinieri aretini starebbero adesso prendendo visione delle immagini video immortalate dalle telecamere di sicurezza della zona

La caccia ai ladri è aperta. Sono i carabineri di Arezzo e Subbiano, insieme ai colleghi del nucleo investigativo, a portare avanti a ritmi serrati le indagini riguardo al colpo commesso nella notte tra venerdì e sabato a Castelnuovo di Subbiano.

Ad immortalare "le gesta" del commando di malviventi che con audacia hanno assaltato il bancomat di via Fermi ci sarebbero le immagini delle telecamere di sicurezza della zona. Sarà grazie anche attraverso l'attenta visione di quei frame che i militari potranno comprendere come sia stato organizzato il colpo e da chi sia stato coordinato.

Per il momento quello che rimane certo è che non si è trattato di un episodio improvvisato.
La dimanica dei fatti farebbe pensare ad un piano ben costruito ed eseguito. Prima il furto dell'auto da utilizzare come ariete. Poi l'altro furto, quello del furgone da utilizzare per la fuga e poi la corsa a tutto gas contro la vetrata del centro commerciale e da ultimo la fuga con il piccolo atm del Monte dei Paschi. 

Nelle immagini video sarebbero state riprese almeno sette persone. Il volto coperto e la sicurezza dettata dall'esperienza, in pochi minuti sono riusciti a rimuovere il macchinario dalla propria sede e caricardo nel retro del furgone svanendo nel nulla con un bottino da diverse decine di migliaia di euro. Oltre alla Fiat 500X e al furgone, la banda avrebbe utilizzato anche altri veicoli per l'operazione.

Sfondano la parete con l'auto e rubano un bancomat: colpo al centro commerciale

Al momento la banca, attraverso i propri sistemi informatici, sta provvedendo a stilare un calcolo preciso di quanto denaro si trovasse all'interno dello sportello automatico al momento del blitz. E' plausibile, visto che il colpo è avvenuto alla vigilia del fine settimana, che la cassa forte fosse stata ricaricata proprio per fare fronte a prelievi più frequenti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento