Le conseguenze

Corruzione in Liguria, Signorini (Ad di Iren) in carcere. I collegamenti della società con Arezzo

Il gruppo Iren, che ha molti interessi nel territorio aretino, ha avviato due audit non appena appresa la notizia del provvedimento di custodia cautelare

Iren è una holding di origine ligure e piemontese e ha una sede legale a Reggio Emilia, ma la sua ramificazione nel campo della gestione dei servizi pubblici come quello idrico o dei rifiuti è da tempo arrivata anche in provincia di Arezzo. Ecco perché in questi giorni anche dal territorio locale c'è particolare attenzione rispetto all'arresto del suo amministratore delegato. Si tratta di Paolo Emilio Signorini ex presidente dell'autorità di sistema portuale del Mar Ligure Occidentale in manette con l'accusa di corruzione nell'inchiesta della procura di Genova che vede ai domiciliari anche il governatore della Liguria Giovanni Toti.

Fin dall'immediatezza dei fatti, il 7 maggio scorso, la società Iren, secondo le comunicazioni della procura stessa, appare estranea alle contestazioni perché i reati contestati sarebbero riferibili al ruolo precedente di Signorini per il sistema portuale.

Iren si è comunque mossa il giorno stesso con un consiglio d'amministrazione straordinario convocato d'urgenza e che ha attribuito le deleghe di Signorini temporaneamente al presidente Luca Dal Fabbro e al vice Moris Ferretti. Da capire invece se nelle prossime ore arriveranno le dimissioni di Signorini dalla multiutility dell'energia che passerà con tutta probabilità a cercare un nuovo Ad. Intanto sono stati avviati due audit, uno interno e uno esterno per scandagliare l'operato di Signorini nel periodo di incarico in Iren.

Iren nell'Aretino

I legami di Iren con il territorio aretino sono forti, e si sono intensificati nel corso degli ultimi anni. Infatti da luglio 2022 il gruppo Iren controlla Sei Toscana, la società del servizio rifiuti. Questo è stato reso possibile grazie al fatto che Iren ha preso possesso del 40% di Sienambiente che ha il 20,6% di Sei Toscana. Iren Ambiente Toscana è già il primo socio in termini di quote con il suo ulteriore 41,8%.

Iren è anche il super partner tecnologico che ha da pochi mesi lanciato nella ex discarica di Podere Rota un grande impianto di estrazione e recupero metalli preziosi come oro, argento, palladio e rame, dagli apparecchi elettrici ed elettronici applicando la tecnologia idrometallurgica in sinergia con il Comune di Terranuova Bracciolini.

Le decisioni del consiglio di amministrazione di Iren

Il cda di Iren ha diffuso una nota aziendale con le azioni intraprese fin da subito in conseguenza dell'arresto di Signorini. Gli sono state revocate le deleghe, è stata sospesa la sua retribuzione e sono stati avviati due audit per valutare il suo operato dentro Iren, infine sono state interrotte le consulenze avviate in autonomia dall'amministratore delegato che è adesso è indagato.

"Il Consiglio di amministrazione di Iren, riunito per l’approvazione dei risultati al 31 marzo 2024, ha anche approfondito il tema delle ulteriori azioni da intraprendere in relazione alle attività poste in essere da Signorini in azienda. Dopo aver immediatamente deliberato, nella seduta straordinaria del 7 maggio, di revocare temporaneamente le deleghe al dott. Signorini, assegnandole al presidente e al vice presidente, nonché di interrompere le consulenze avviate in autonomia dall’AD, il CdA – in un’ottica di tutela dell’azienda e dei suoi dipendenti - ha approvato lo svolgimento di due audit specifici, uno avviato da parte della funzione interna preposta non appena appresa la notizia del provvedimento di custodia cautelare, e uno - in fase di avvio - da parte di un certificatore indipendente, per analizzare approfonditamente i 9 mesi di attività del dottor Signorini in Iren e valutare la correttezza dell’operato, relativamente alle deleghe e ai poteri allo stesso attribuiti.

Quest’attività, unitamente ai pareri legali richiesti dal punto di vista giuslavoristico in merito al rapporto di lavoro con il dottor Signorini, che ad oggi è sospeso anche dal punto di vista retributivo, permetterà all’azienda di porre in essere tutte le azioni e i provvedimenti necessari nell’interesse della società e dei suoi dipendenti."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corruzione in Liguria, Signorini (Ad di Iren) in carcere. I collegamenti della società con Arezzo
ArezzoNotizie è in caricamento