Un arresto e una espulsione dal territorio nazionale: l'attività dell'ufficio immigrazione della Questura

Nelle ultime 24 ore il personale, grazie ad attenti accertamenti, ha scoperto due giovani destinatari di misure cautelari

Un arresto e una espulsione. E' questo il bilancio delle attività delle ultime 24 ore dell'ufficio immigrazione della Questura di Arezzo.

L'arresto è avvenuto ieri. Nella mattinata, durante l’ordinaria attività istruttoria svolta dall’ufficio sulle istanze di rilascio dei permessi di soggiorno, è emersa la posizione di un cittadino pakistano, Q.A. di anni 26. Il giovane richiedeva di convertire "il proprio titolo autorizzatorio da motivi umanitari a lavoro subordinato". Dagli approfonditi accertamenti eseguiti dagli operatori, insospettiti dalle discordanze delle affermazioni fornite dal 26enne ed anche dai rilevati precedenti di polizia, è emerso che era destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare "per fatti connessi alla detenzione ed allo spaccio di sostanze stupefacenti". Il giovane è stato condotto in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria, consentendo così alla Giustizia di fare il suo corso.

Nelle prime ore di stamani, inoltre, personale dello stesso Ufficio Immigrazione, dopo aver monitorato e vagliato attentamente la posizione di un cittadino gambiano di 23 anni è intervenuto per espellerlo dall'Italia. Il ragazzo aveva un'autorizzazione al soggiorno per motivi umanitaria era anche destinatario di un  provvedimento cautelare in carcere emesso nell’ambito dell'operazione antidroga “Duomo Vecchio”, portata a termine dalla locale Squadra Mobile nello scorso anno. Il personale dell'ufficio immigrazione ha atteso il giovane presso l’immobile dove era stato individuato il suo domicilio in seguito alla scarcerazione per decorrenza dei termini e, dopo averlo condotto negli uffici della Questura,  gli ha notificato un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale. Tale provvedimento, emesso sulla base di due condanne intervenute per fatti legati allo spaccio di stupefacenti, è stato quindi eseguito con il trattenimento dello stesso presso il Centro per Rimpatri di Gorizia ove è stato condotto nella giornata odierna da personale della Questura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Covid e Natale: attesa per il nuovo Dpcm. Cenoni, aperture e spostamenti al vaglio del governo

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento