menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arpat su Podere Rota: “Potenziale contaminazione e inaccettabili livelli di odori”

Durante lo svolgimento dell’inchiesta pubblica per l’ampliamento della discarica, l’Agenzia regionale per la protezione ambientale ha fatto pervenire alla Regione Toscana cinque documenti dove vengono evidenziate “numerose criticità e aspetti che necessitano di chiarimenti”

Riportano la data del 18 marzo e sono stati pubblicati sul sito della Regione Toscana nel pieno dello svolgimento dell’inchiesta pubblica relativa al progetto di ampliamento della discarica di Podere Rota. Si tratta dei 5 documenti che compongono il Contributo tecnico istruttorio di Arpat per la Conferenza dei servizi; la Regione dovrà procedere alla valutazione di tutta la documentazione pervenuta dagli enti competenti e autorizzare o meno il progetto di adeguamento volumetrico di Casa Rota. Il contributo, illustrato dal sindaco di San Giovanni Valdarno, Valentina Vadi, nel corso del Consiglio Comunale di oggi pomeriggio, mercoledì 31 marzo, pone in rilievo e approfondisce le criticità già emerse nel Rapporto di ispezione ambientale del 24 settembre 2020 dove, a seguito di rilievi su un innalzamento delle concentrazioni dei solfati e sul superamento di ulteriori parametri nelle acque sotterranee, si sottolineava la necessità che la Csai procedesse “alla notifica di potenziale contaminazione”. In tale documento Arpat dichiarava anche che, nel caso che il gestore non si fosse mosso autonomamente ci avrebbe pensato il dipartimento di Arezzo ad attivare il procedimento previsto dall’articolo 244 (notifica da parte dei soggetti pubblici) del Testo unico sull’ambiente. Di fatto Csai non ha notificato la potenziale contaminazione e Arpat, nel dicembre 2020, con comunicazione da parte di soggetto pubblico di fronte all’inerzia del privato, ha attivato una procedura aperta nel Sisbon, il sistema informativo siti interessati da procedimento di bonifica.

Il sindaco di San Giovanni Valentina Vadi, dopo aver spiegato il contenuto dei cinque recenti documenti che compongono il contributo inviato da Arpat e aver invitato tutti i consiglieri a leggerli, si è soffermata “sul più corposo e significativo. E’ indirizzato – ha citato Vadi – alla Regione Toscana, al settore Via Vas, alla cortese attenzione dell’architetto Carla Chiodini”. Oggetto: “Centro Servizi Ambiente Impianti Spa Casa Rota – Comune di Terranuova Bracciolini (AR) Provvedimento Autorizzativo Unico Regionale ‘Progetto di adeguamento volumetrico della discarica per rifiuti speciali non pericolosi’ ai sensi del Dlgs 152/2006 art. 27-bis e L.R. 10/2010 art. 73-bis. Richiesta integrazioni”.

“Delle numerose criticità e aspetti che necessitano di chiarimenti – pagina 1 di tale documento – alcune, collegate ad uno stato attuale già critico, ci sembrano di particolare rilevanza ai fini del proseguo del procedimento, per il quale ci rimettiamo comunque all’Autorità competente e all’Autorità autorizzante. In particolare ci riferiamo al tema dell’inquinamento della falda, in quanto questa Agenzia non ritiene di poter condividere le ipotesi di sussistenza di un fondo naturale (ad oggi mai quantificato) e l’asserita provenienza da monte idraulico di parte della contaminazione in quanto non la ritiene sufficientemente dimostrata e esprime fondati dubbi su parte del modello geologico ed idrogeologico che la sottende”.

A pagina 17, dopo aver analizzato nel dettaglio lo stato di contaminazione rilevato nelle acque sotterranee, Arpat contesta quanto affermato da Csai in sede di presentazione del progetto: “Non pare condivisibile la supposizione secondo cui la causa della presenza dei solfati individuati nei campionamenti possa derivare dall’utilizzo di fertilizzanti in tutte le aree agricole contermini, trasportati nel sottosuolo a causa di meccanismi di lisciviazione/dilavamento meteorico, dal momento che se vi fosse una tale origine non potrebbe neppure esistere alcun isolamento di livelli ad oltre 30 metri di profondità”.

“Contestualmente a questo parere – continua Arpat – verrà chiesta alle amministrazioni competenti, ai sensi dell’art. 244 c.2, emissione della conseguente diffida con ordinanza al responsabile della potenziale contaminazione ai sensi del Titolo V, parte IV del D.Lgs 152/06 (Testo Unico sull’ambiente)”. E anche in relazione al tema degli odori, secondo quanto emerso dalla Valutazione dello studio diffusionale, vengono evidenziati “per lo scenario attuale e per lo scenario di progetto livelli non accettabili di potenziale disturbo con particolare riferimento all’abitato di San Giovanni”.

Il 19 febbraio scorso il primo cittadino di San Giovanni Valdarno aveva fatto istanza alla Regione e alla Provincia di Arezzo perché procedessero nei riguardi del gestore dell’impianto.

“In data 30 marzo – ha illustrato il sindaco Vadi – è stata inviata dalla Regione Toscana, direzione ambiente ed energia, Settore Via al soggetto proponente una richiesta di integrazioni e chiarimenti che, finalmente – e sottolineo finalmente – comincia a fare chiarezza su tutta questa vicenda e ad aprire, per tutti noi, uno spiraglio di speranza reale e concreta”. Si legge, fra le altre cose, nel documento: “Si ritiene tuttavia opportuno premettere che, dall’istruttoria sin qui condotta, sono emerse alcune criticità del progetto in relazione a componenti ambientali già caratterizzate da uno stato attuale critico e che pertanto potrebbero costituire aspetti di non compatibilità. […] Ciò premesso si suggerisce, quindi, al proponente (Csai) di valutare attentamente la possibilità di superare le suddette problematiche prima di procedere alla elaborazione e presentazione della sotto elencata documentazione integrativa”.

“Le parole della Regione Toscana sono chiare - ha dichiarato con fermezza il primo cittadino Valentina Vadi – il proponente dovrebbe, prima, superare le attuali criticità e soltanto in un secondo momento elaborare e fornire la documentazione integrativa, assai copiosa, richiesta. E’ evidente che per fare questo il Paur si deve interrompere, e anche per un tempo lungo, per consentire di fare le adeguate analisi del terreno e procedere alla bonifica. Di fronte all’evidenza di questa documentazione fornita da Arpat, e di fronte a quanto scrive e sollecita il settore Via/Vas, sono di nuovo a chiedere con fermezza e determinazione alla Regione Toscana di sospendere ed archiviare il Paur relativo all’ampliamento della discarica di Podere Rota (accogliendo l’istanza che ho depositata il 19 febbraio e per la quale non ancora abbiamo ricevuto una risposta), e di procedere, secondo dettato normativo, ad emettere diffida con ordinanza a Csai, responsabile della potenziale contaminazione rilevata da Arpat, a seguito della quale il gestore dovrà provvedere alla bonifica del sito inquinato. Oppure chiarisca, la Regione Toscana, di chi è la competenza a diffidare, con ordinanza motivata, il responsabile della potenziale contaminazione, come stabilito nell’articolo 244, comma 2, del Dlgs 152 del 2006 (Testo unico per l’ambiente). In una simile situazione, chiunque si assumerà la responsabilità di non procedere nelle modalità indicate dalla legge, dovrà risponderne nelle sedi competenti e opportune che non saranno né quella della Conferenza dei servizi né quella dell’Inchiesta pubblica”, ha concluso il sindaco di San Giovanni Valdarno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Anthony Hopkins a Cortona dopo l'Oscar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento