Archivio Vasari, Paolucci fa un passo indietro e lascia l'incarico: non sarà il perito super partes

Antonio Paolucci, ex ministro ed ex direttore dei Musei Vaticani e degli Uffizi,  non si occuperà più dell'intricata vicenda  dell'Archivio Vasari. Lui stesso si è defilato con una lettera nella quale spiega il perché fa marcia indietro e lascia...

archivio_vasari_manoscritto-michelangelo-messer-amico 2

Antonio Paolucci, ex ministro ed ex direttore dei Musei Vaticani e degli Uffizi, non si occuperà più dell'intricata vicenda dell'Archivio Vasari. Lui stesso si è defilato con una lettera nella quale spiega il perché fa marcia indietro e lascia l'incarico "Non posso accettarlo" ha scritto e ha sottolineato come i fratelli Festari abbiamo presentato "Un'opposizione fondata essendo già in passato intervenuto sul merito ritenendo fondata la valutazione di un milione e mezzo di euro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Erano stati proprio i fratelli Festari a chiedere la ricusazione del "super perito" nominato dal tribunale di Arezzo. Secondo il difensore della famiglia, l’avvocato Guido Cosulich, Paolucci in realtà non sarebbe stato super partes perché nel 2006 sarebbe intervenuto nella trattativa con l’allora soprintendente Martinez. Le cifra della compravendita in quel caso sarebbe arriva a 70milioni di euro. Ma, stando a quanto sostengono i Fratelli, Paolucci bloccò tutto, avanzando l’ipotesi dell’esproprio, considerato molto più conveniente per lo Stato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento