rotate-mobile
Cronaca

Impennata di casi, il Governo decide nuove misure. Gli infettivologi: "Tamponi per gli eventi"

Gli esperti della Simit, di cui fa parte l'aretino Danilo Tacconi, invitano alla prudenza in vista delle feste natalizie

Gli infettivologi della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit) predicano prudenza in vista delle prossime festività, fra questi c'è anche il direttore di Malattie Infettive dell'ospedale San Donato di Arezzo Danilo Tacconi.

Attesa per la decisione del Governo

numeri del contagio Covid in provincia di Arezzo sono in crescita e per questo la Asl, ieri, ha deciso di correre ai ripari incrementando tamponi, vaccini e potenziando il tracciamento. L'ascesa della diffusione del virus, che coinvolge tutta la Toscana e l'Italia intera, preoccupa, tanto che oggi il Governo potrebbe varare nuove misure di contenimento della pandemia in vista delle feste natalizie.

Variante Omicron

I dati relativi alla variante omicron restano ancora incerti. In Italia - spiega l'agenzia Dire - il numero di contagi con questa variante è ancora limitato, ma le cifre di contagi, ricoveri e decessi sono in continuo aumento e i dati dell'Oms lasciano presagire che omicron potrebbe diventare dominante in Europa. Molti Paesi si sono già blindati con nuovi lockdown o con ulteriori misure restrittive. In Italia, dove i numeri attualmente sono più contenuti che altrove, per evitare un'impennata dei contagi, sono allo studio regole che verranno varate oggi. In vista di queste decisioni la Simit suggerisce di partire da alcuni presupposti che possano consentire una riduzione del rischio.

I consigli degli infettivologi

"Molti dei consigli lanciati in queste ore sono quelli che si ripetono da tempo, ma che non perdono mai di attualità e, anzi, con la nuova variante assumono ancora maggior rilievo. La rapidità di trasmissione della variante omicron apre la prospettiva di scenari in cui il virus possa estendere ulteriormente la sua circolazione - sottolinea Claudio Mastroianni, presidente Simit - resta pertanto fondamentale vaccinarsi e procedere rapidamente con la terza dose, unica per ora in grado di proteggerci dalla variante omicron; tenere sempre le mascherine anche all'aperto; mantenere il distanziamento; lavare frequentemente le mani; ridurre i contatti tra gruppi di persone in contesti sociali e lavorativi; effettuare un tampone se ci si reca in luoghi affollati o in caso di partecipazione a grandi eventi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impennata di casi, il Governo decide nuove misure. Gli infettivologi: "Tamponi per gli eventi"

ArezzoNotizie è in caricamento