Non rispetta il divieto di avvicinamento: padre violento in manette

Dovrà rispondere dei reati di maltrattamenti in famiglia

Si conclude con l’arresto del padre padrone la vicenda dei maltrattamenti in famiglia accaduti nella cittadina di Anghiari. Ieri sera, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile del Comando Compagnia di Sansepolcro hanno tratto in arresto l’uomo, sorprendendolo a rientro dal lavoro, per aver violato gli obblighi di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dall’ex compagna.

I militari hanno accertato che l’uomo, classe ’86, pur essendo sottoposto a una misura cautelare volta a tutelare l’ex convivente e la figlia minore, ha tentato in più occasioni di avvicinarsi alle vittime con fare minaccioso, costringendole alla fuga. I Carabinieri, immediatamente intervenuti, hanno potuto riscontrare "una grave pericolosità sociale in capo al soggetto", e, acquisiti tutti gli elementi hanno posto fine ai tormenti delle vittime. L’uomo, che adesso è sottoposto alla misura coercitiva detentiva degli arresti domiciliari, dovrà rispondere dei reati di maltrattamenti in famiglia, nonché della violazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento, eseguita da parte dei Carabinieri lo scorso 1° giugno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento