Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

"Quante aggressioni in ospedale. Io, infermiera di Arezzo, ho fatto il corso di autodifesa"

Nel 2019 sono stati in totale 110 mila i sanitari, medici e infermieri, che hanno seguito e superato il corso Care (Consapevolezza, ascolto, riconoscimento, empatia)

Medici e infermieri a scuola di autodifesa contro le aggressioni. Nel 2019 sono stati in totale 110 mila i sanitari, medici e infermieri, che hanno seguito e superato il corso Care (Consapevolezza, ascolto, riconoscimento, empatia) promosso dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi) e la Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e odontoiatri (Fnomceo).

Il corso ad Arezzo e i casi di aggressioni

"L'aumento delle aggressioni verbali ci spaventa - racconta Claudia, infermiera di sala operatoria che lavora ad Arezzo e ha frequentato il corso -. Io non sono stata vittima di violenze fisiche ma ho avuto colleghi che sono stati aggrediti. Il corso è stato molto interessante perché ti spiega come, attraverso specifiche tecniche verbali e di comportamento, è possibile evitare che situazioni incandescenti esplodano del tutto. Mi è capitato tempo fa - aggiunge - di metterle in atto nei confronti di un paziente che ha alzato la voce e ho subito notato che seguendo i consigli appresi al corso sono riuscita a farlo calmare senza che la situazione degenerasse. Mi auguro però - conclude - di non doversi trovare da sola a fronteggiare una possibile violenza fisica".

Oltre 110mila sanitari coinvolti

"A oggi - spiega la Fnopi all'Adnkronos Salute - hanno superato il corso 79.430 infermieri su 94.403 partecipanti a cui si aggiungono 18 mila medici, per un totale di oltre 110mila sanitari". "Chi ha avuto modo di applicare ciò che ha imparato ha registrato un riscontro positivo con una riduzione dell'aggressività nel 25-30% dei casi", prosegue la Fnopi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Quante aggressioni in ospedale. Io, infermiera di Arezzo, ho fatto il corso di autodifesa"

ArezzoNotizie è in caricamento