Colpi di bottiglia rotta alla compagna e alla figlia piccola nel giorno della festa: finisce in carcere

L'episodio lo scorso agosto a Montevarchi in occasione della Festa del Perdono. L'uomo, che era scappato nelle vie del centro, era stato scoperto e denunciato. A distanza di mesi il tribunale ha deciso per la custodia cautelare

E' stato rintracciato in provincia di Verona e poi incarcerato l'uomo ritenuto responsabile di aver aggredito la compagna e la figlia minorenne con una bottiglia di vetro rotta. L'episodio si era consumato durante i festeggiamenti dello scorso agosto, in occasione del "Perdono" a Montevarchi.

L'uomo si trovava in provincia di Verona

Sono stati proprio i carabinieri della stazione di Montevarchi, insieme ai colleghi della stazione veronese di Castel D’Azzano, a dare esecuzione a una misura di custodia cautelare in carcere, rintracciando l'uomo: un disoccupato di origine nigeriana con precedenti penali alle spalle.

L'aggressione con una bottiglia di vetro rotta

Durante quella notte d'agosto, al culmine di un alterco consumatosi tra le mura domestiche, l'uomo aveva aggredito con pezzi di vetro di una bottiglia rotta la compagna: l'aveva colpita e ferita. Non solo, aveva colpito anche la figlia minorenne, che si era intromessa per difendere la madre. L’aggressore si era poi dato alla fuga per le vie del centro di Montevarchi, mentre le due vittime, in strada, durante la festa, chiedevano soccorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Eseguita la custodia cautelare in carcere

Mentre le donne venivano medicate, l’uomo era stato subito trovato e denunciato dai militari dell’Arma di Montevarchi. Nei giorni scorsi il tribunale di Arezzo ha deciso che per l'episodio l'uomo meritasse la custodia cautelare in carcere che ieri è stata eseguita. L'aggressore si era nel frattempo allontanato dalla provincia di Arezzo, ma è stato scoperto e arrestato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre: ipotesi coprifuoco. Novità su scuola e bus

  • Coronavirus Toscana: oggi 866 nuovi casi, 13 i decessi. La mappa provincia per provincia

  • Coronavirus: +812 casi oggi in Toscana e due morti. I dati, provincia per provincia

  • Coronavirus, il bollettino della Asl: 64 nuovi positivi nell'Aretino. Ci sono bimbi, studenti e insegnanti

  • Lo sfogo del direttore di Rianimazione: "Abbracci senza mascherina, la gente non ha capito. Mi sono stancato"

  • Covid, Asl: "Si semplifica la complicata vita del positivo e del contatto"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento