menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aggredì un agente, slitta il processo: dovrà rispondere di lesioni aggravate

L'episodio che ha portato all'arresto dell'uomo si è verificato nella notte tra venerdì 22 e sabato 23 febbraio.

Le lesioni che gli ha procurato sono state giudicate guaribili non prima di sessanta giorni.
Ed è stato proprio a causa di questo documento che il processo a carico del 28enne tunisino, accusato tra l'altro di avere aggredito un agente della polizia locale, è stato rinviato al 14 marzo.

Il capo d'imputazione per il nord africano è stato modificato in lesioni gravi e per questa ragione l'udienza dovrà nuovamente essere aggiornata. A stabilirlo è stato il giudice del tribunale di Arezzo Gianni Fruganti davanti al quale questa mattina è comparso il giovane insieme al proprio avvocato.

Tra le accuse di cui dovrà rispondere il 28enne, per il momento detenuto all'interno della casa circondariale di Arezzo, anche resistena a pubblico ufficiale.

Dunque, tutto aggiornato al 14 marzo.

L'episodio che ha portato all'arresto dell'uomo si è verificato nella notte tra venerdì 22 e sabato 23 febbraio.

Gli agenti della polizia locale sono intervenuti in piazza Zucchi, a Saione, prima della mezzanotte. A chiamarli alcuni residenti del quartiere che hanno richiesto l'aiuto degli agenti dopo aver assistito ad una violenta lite messa in scena per strada. "Correte, le sta mettendo le mani addosso".
In pochi minuti sono arrivati sul posto ed hanno identificato i due.
Lui, vecchia conoscenza delle forze dell'ordine per droga e furti, è subito sembrato in preda ai fumi dell'alcol e alla richiesta di mostrare i documenti ha dato in escandescenza tanto da costringere i vigili a tirare fuori lo spray al peperoncino.

L'uomo, disteso a terra, ha colpito con un calcio ad uno dei rappresentanti delle forze dell'ordine. Lo ha fatto cadere contro un cassonetto e gli provoca la rottura del perone. A mezzanotte e venti gli agenti della polizia municipale lo hanno ammanettato e trasferito in carcere.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Il menestrello Grifo, il 'morto resuscitato' del castello di Poppi

  • Psicodialogando

    Perché sono affascinanti le donne mature?

  • Calcio

    Triestina-Arezzo. Le pagelle di Giorgio Ciofini

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento