Cronaca

Adescavano anziani con effusioni e moine, poi rubavano borse e portafogli: fermate due giovani

Adescavano le proprie vittime con effusioni e moine, poi li derubavano. Ma la loro attività è stata bruscamente interrotta dall'intervento dei Carabinieri, con l’ausilio del Corpo Unico di Polizia Municipale dell’Unione dei Comuni del Casentino...

mercato poppi polizia

Adescavano le proprie vittime con effusioni e moine, poi li derubavano. Ma la loro attività è stata bruscamente interrotta dall'intervento dei Carabinieri, con l'ausilio del Corpo Unico di Polizia Municipale dell'Unione dei Comuni del Casentino. L'episodio è avvenuto a Ponte a Poppi, dove una banda di rom era in azione in occasione del mercato settimanale. Due giovani donne cercavano di adescare persone anziane nella zona della Casa della Salute, a poca distanza dai banchi del mercato, zona peraltro costantemente presidiata dagli agenti di Polizia Municipale nell'ambito dei servizi giornalieri organizzati dal Comando del Corpo Unico.

Con effusioni, saluti calorosi o promesse di incontri - come peraltro già era successo in passato - le donne cercavano di avvicinare le ignare vittime per sottrarre portafogli, catenine e così via. Altre volte appunto quelle effusioni si erano poi tradotte in atti di borseggio e furti. Le forze dell'ordine sono riuscite oggi ad impedire che fosse portato a termine il progetto criminoso della banda, che comprendeva anche altri 3-4 soggetti maschi i quali agivano da vedette, rimanendo in zona e cercando di segnalare alle complici gli eventuali pericoli.

Una condotta organizzata, che tuttavia non ha impedito il successo dell'operazione degli agenti in divisa; la presenza di una Vigilessa nella pattuglia mista della Polizia Municipale ha permesso di eseguire sulle due donne rom una sommaria perquisizione per verificare che non avessero indosso refurtiva oppure armi o corpi contundenti prima di farle accomodare sul mezzo di servizio. I rom in questione, provenienti dalla zona di Perugia, sono stati identificati e riconosciuti come soggetti già noti alle forze dell'ordine per episodi analoghi già verificatisi in precedenza. Sono stati dunque accompagnati alla compagnia dei Cc di Bibbiena per il disbrigo delle formalità del caso. Il Comandante del Corpo Unico di Polizia Municipale Marco Tognarini nel commentare l'accaduto ha rinnovato l'invito a tutti i cittadini a prestare la massima attenzione a soggetti che si appressano con l'intenzione di avvicinarsi fisicamente, perché tali azioni celano spesso intenzioni tutt'altro che amorevoli.

"I Casentinesi - ha concluso Tognarini - sanno che siamo presenti regolarmente ai mercati settimanali nelle varie località, e che possono rivolgersi a noi ogni giorno per qualsiasi necessità dalle 7:30 alle 19:30 al numero telefonico 0575-507777".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Adescavano anziani con effusioni e moine, poi rubavano borse e portafogli: fermate due giovani

ArezzoNotizie è in caricamento