Addio Dragan, la Fraternità Bindi si fa carico dei funerali: "Intorno a lui come una famiglia"

L'ultimo saluto a Dragan sarà più di un addio. Sarà un abbraccio, caldo e accogliente, da parte degli aretini. Quell'abbraccio che negli ultimi anni della sua vita non ha trovato, ma che timidamente e in punta di piedi cercava bussando alla porta...

dragan

L'ultimo saluto a Dragan sarà più di un addio. Sarà un abbraccio, caldo e accogliente, da parte degli aretini. Quell'abbraccio che negli ultimi anni della sua vita non ha trovato, ma che timidamente e in punta di piedi cercava bussando alla porta del dormitorio e frequentando i servizi offerti di giorno dalla Fraternità Federico Bindi.

Ed è proprio la Fraternità che ha deciso di predersi "carico del funerale di Dragan, per offrirgli un momento di dignità umana, raccolti intorno a lui come una famiglia".

La commovente decisione è stata annunciata nel primo pomeriggio sulla pagina Facebook dell'associazione che non solo ha organizzato il rito religioso ma ha deciso di aiutare - con i soldi che avanzeranno una volta sostenute le spese del funerale - gli amici di Dragan, permettendo loro di trascorrere qualche notte in un albergo.

Il rito funebre - si legge nel post - sarà martedì 30 ottobre alle ore 15 nella Chiesa di Santa Maria in Gradi, con padre Octavian Tumuta, che celebrerà la funzione con rito ortodosso, insieme a padre Raffaele ed altri consacrati.

Chi lo desidera potrà lasciare un sostegno per le spese per la sepoltura. Una volta coperta la quota abbiamo pensato di utilizzare l'eventuale cifra eccedente per regalare qualche notte in albergo per i senzatetto amici di Dragan, per scongiurare altre disgrazie come questa e quella di Fabrizio, scomparso un mese fa, in attesa della riapertura del dormitorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dragan aveva 43 anni ed era arrivato nell'Aretino con la sua famiglia quando ne aveva solo 8. Fino a non molti anni fa aveva avuto una vita normale, una compagna, un lavoro. Poi le cose hanno iniziato ad andare male, una spirale senza fine che lo aveva portato a vivere come un clochard. E' stato trovato senza vita lunedì mattina sulla grata di un marciapiede a Campo di Marte. Accanto a sé aveva uno zaino, che usava per portare dietro le sue poche cose, i resti di un panino e una lattina di birra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento