Cronaca Centro Storico / Piazza del Commissario, 1

"Nessuno ci ha mai detto che l'argon fosse pericoloso". Tragedia all'Archivio, parla il direttore Saviotti

E' durante l'incontro con il ministro Bonisoli che il direttore della struttura sottolinea come: "Noi abbiamo sempre fatto tutti i controlli necessari"

"I colleghi sono morti per questo: mancanza di informazione”.

Le parole sono quelle del direttore dell’Archivio di Stato, Claudio Saviotti che con voce rotta è intervenuto durate l’incontro con il ministro Alberto Bonisoli, tornato in visita in quello stesso luogo dove il 20 settembre persero la vita Piero Bruni e Filippo Bagni impiegati presso l’ente statale.

VIDEO - Le parole di Saviotti e Bonisoli

Una dura quanto amara considerazione che porta l’accento sulla necessità di una corretta formazione e consapevolezza dei rischi all’interno dei luoghi di lavoro, qualsiasi essi siano.

“Noi abbiamo eseguito tutto quello che ci è stato chiesto - ha continuato Saviotti - abbiamo fatto controlli, verifiche all’impianto. Abbiamo fatto tutto. Ma di fatto nessuno ha mai detto al nostro personale i rischi che correvamo stando a contatto con esso. E quindi i colleghi sono morti per questo: una mancanza di informazione”.

Una posizione condivisa dal Ministro che, a sua volta, ha sottolineano come in questa vicenda non esistono delle spiegazioni sufficienti e, allo stesso tempo, quanto sia importante iniziare a pensare che le istituzioni debbano farsi carico di promuovere l’importanza di corsi di formazione e preparazione sulla sicurezza.

Bonisoli ad Arezzo: "Stato troppo indulgente"

“Come Ministero abbiamo previsto circa 110 milioni di euro (fondi comunitari raccolti con urgenza dalla Ragioneria dello Stato) che saranno spalmati in 314 interventi in tutta Italia e in tutte le strutture come Archivi e biblioteche - spiega il ministro Alberto Bonisoli -  Anche se Arezzo non ne beneficerà perché, nonostante la tragedia, l'impianto è risultato perfettamente a norma e con tutte le certificazioni del caso. Ma questo è del tutto irrilevante perché non possiamo purtroppo cambiare il passato e cancellare quello che è successo. Dobbiamo essere noi, chi ha responsabilità di vertice, dell’importanza che ha partecipare a corsi di aggiornamento e formazione sulla sicurezza. Inoltre, non dovremo mai dimenticare quello che è successo ai colleghi e della tragedia avvenuta in questo luogo. Cercheremo delle formule visibili e significative per ricordarci di loro per sempre”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Nessuno ci ha mai detto che l'argon fosse pericoloso". Tragedia all'Archivio, parla il direttore Saviotti

ArezzoNotizie è in caricamento