Smerciava cocaina, hashish e ecstasy: 44enne finisce in manette

Nel corso dell'attività investigativa, erano già state sanzionate e segnalate come consumatori altre persone acquirenti dello stupefacente

I più ordinavano la droga con sms in codice dove specificavano quantità e tipologia. Lui rispondeva chiedendo di raggiungerlo a casa sua oppure gli dava appuntamento in qualche locale dove, senza dare troppo nell'occhio, cedeva hashish, cocaina o ecstasy. Sono stati gli agenti della polizia di Sansepolcro ad incastrare R.M. 44enne birturgense accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

L'operzione si è conclusa nel weekend e oggi il tribunale di Arezzo ha convalidato l'arresto dell'uomo il quale si trova detenuto presso il carcere fiorentino di Sollicciano. "Le indagini, portate avanti già da tempo dagli operatori dell’ufficio anticrimine del commissariato di Polizia di Sansepolcro anche attraverso discrete attività di osservazione e pedinamento - spiegano dalla questura - hanno permesso di delineare una ingente e ben organizzata attività di spaccio di cocaina, hashish, ecstasy ed altre tipologie di sostanze che venivano immesse soprattutto sul mercato biturgense, attività che si intensificava durante il fine settimana nei pressi di molti locali del centro storico di Sansepolcro". Ed è proprio in tale contesto che si è concentrata l'attività degli agenti del commissariato i quali hanno documentato numerose cessioni di cocaina. Accertato anche il modus operandi utilizzato per la compravendita. Secondo quanto ricostruito dai poliziotti, agli acquirenti bastava inviare un messaggio Whatsapp per ordinare in codice il quantitativo e la tipologia di droga. Le consegne avvenivano presso l’abitazione dell’arrestato, all'interno degli appartamenti dei consumatori oppure nei pressi dei locali della “movida” cittadina.

Sabato scorso gli agenti, avendo ormai acquisito esaustive fonti di prova utili alla conclusione delle indagini e recuperato numerose dosi di stupefacente ceduto, hanno deciso di fermare il 44enne che, a seguito di una perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di 150 grammi di cocaina in parte già divisa in dosi, 30 grammi di hashish, alcune pillole di ecstasy, materiale occorrente al confezionamento, bilancini di precisione e circa 4.000 euro in contanti. "Un vero e proprio market dello stupefacente nel cuore della città biturgense" sostengono i poliziotti. L’uomo è stato arrestato e trasferito in carcere a Sollicciano. Nel corso dell'attività investigativa, erano già state sanzionate e segnalate come consumatori altre persone acquirenti dello stupefacente. Oggi è stato convalidato l’arresto davanti al giudice per le indagini preliminari di Arezzo che ha disposto la custodia cautelare in carcere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento