Illecito scambio oro-contanti: blitz della finanza, due denunce e due arresti

Le Fiamme Gialle di Arezzo hanno sorpreso in due distinte operazioni nelle giornate di sabato e domenica, 4 persone che stavano effettuando uno scambio tra contanti e oro puro in lamine, nel primo caso, e prodotti di gioielleria, nel secondo, per...

oro-finanza (1)

Le Fiamme Gialle di Arezzo hanno sorpreso in due distinte operazioni nelle giornate di sabato e domenica, 4 persone che stavano effettuando uno scambio tra contanti e oro puro in lamine, nel primo caso, e prodotti di gioielleria, nel secondo, per un totale di 29 chili di materiale prezioso, sottoposto a sequestro insieme a più di un milione di euro in denaro.

Nell’ambito dell’intensificazione del dispositivo di contrasto ai traffici illeciti disposto dal comando generale del corpo - spiega una nota della Finanza - sono stati selezionati diversi soggetti, noti per i loro precedenti di polizia e operanti nel settore dei materiali preziosi, che presentavano un alto profilo di rischio. Tra questi anche due orafi di Arezzo, che già in passato si erano resi responsabili di traffici

di metallo prezioso in completa evasione d‘imposta. Dopo la selezione operata, i finanzieri del nucleo di polizia tributaria hanno proceduto a diversi servizi di osservazione notte-tempo, che hanno dato i loro frutti quando sono state notate presso i domicili dei soggetti aretini alcune autovetture i cui movimenti hanno insospettito i militari.

Nel primo caso, è stato accertato che l’autovettura era riconducibile ad una società orafa di Valenza Po, mentre nel secondo l’autovettura aveva targa francese. In entrambi i casi, il fermo è stato operato quando i soggetti erano intenti a scambiare l'oro con i contanti. In particolare, in occasione del primo scambio intercettato nella macchina proveniente da Valenza Po, è stato scoperto un doppio fondo dove è stato rinvenuto il denaro contante, mentre l’oro era in un borsone in possesso del soggetto aretino.

Entrambi i soggetti sono stati deferiti alla locale Procura della Repubblica di Arezzo per il reato di riciclaggio e quanto rinvenuto (oro e denaro), per un controvalore di oltre 1 milione di euro, è stato sottoposto a sequestro.

Gli altri due hanno visto aprirsi le porte del carcere di Arezzo, atteso che per loro è scattata l’aggravante transazionale, in considerazione del fatto che l’acquirente, di origine algerine e con documenti francesi, portava con sé circa 520 mila euro in contanti per acquistare ad Arezzo 14 kg di prodotti di gioielleria in oro. Anche in questo caso, sono stati sequestrati i beni e il denaro per un controvalore di oltre 1 milione di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini proseguono per individuare l’origine del metallo e dei contanti in possesso delle persone fermate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • LIVE | Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Elezioni Arezzo, affluenza ore 23: alle comunali è del 47,26%. Regionali e referendum: i dati comune per comune

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento