rotate-mobile
Cronaca Cortona

14 anni al santone di Montecchio: così la Corte d’assise d’appello

Dopo il rinvio della Cassazione è stata accolta la tesi della riduzione in schiavitù

14 anni, 8 mesi e 12 giorni. È quanto dovrà scontare Mauro Cioni, l'ex santone di Montecchio. A stabilirloè stata la Corte d’appello di Firenze, dopo il rinvio della Cassazione. Come noto, l'ex sacerdote Cioni creò e restò alla guida di una comunità che aveva trovato sede all'interno di vecchio convento di Montecchio per circa venti anni. Una realtà quella da lui guidata dove, secondo l’accusa, si sarebbero consumate violenze sessuali nei confronti delle adepte e all’interno della quale i fedeli avrebbero vissuto in una condizione di sudditanza psicologica che sfociava in una “condizione di schiavitù”. A tenere soggiogate le vittime, come emerso in più di un'occasione in aula, il carisma dell’ex sacerdote che con pratiche sui generis (tra le quali esorcismi che si concludevano con atti sessuali) riusciva a condizionare la vita dei suoi seguaci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

14 anni al santone di Montecchio: così la Corte d’assise d’appello

ArezzoNotizie è in caricamento